Giovanissima e talentuosa, Paola Egonu è una pallavolista sin dalla più tenera età. La sua bravura è ormai assodata, tanto da farla arrivare in Nazionale.

Paola Egonu si è fatta strada, sin dalla più giovane età, nel mondo della pallavolo italiana, tanto da diventare in breve tempo una delle sue stelle più luminose. Dagli esordi ha mostrato subito un talento eccezionale, e il suo debutto nella nazionale femminile è stato accolto con gran calore dai tifosi e dalle sue colleghe. Ma al di là dello sport, la vita di Paola è ricca di tanti interessi e tante passioni. Inoltre è anche finita su Forbes. Scopriamo qualcosa di più sulla schiacciatrice italiana!

Paola Egonu, la biografia

Paola Ogechi Egonu è nata a Cittadella, in provincia di Padova, il 18 dicembre 1998, sotto il segno del Sagittario. I suoi genitori, papà Ambi e mamma Sunday, sono entrambi nigeriani.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Paola Egonu
Paola Egonu

Paola è cresciuta con due fratelli più piccoli, Angela e Andrea, ma la sua famiglia è in realtà molto più numerosa. A partire dalla cugina Terry Enweonwu, di due anni più giovane e anch’essa pallavolista italiana, Paola ha tantissimi parenti in Nigeria e in tutto il resto del mondo. Cugini, zii (sono ben 13) e un nonno: per tutti loro, la ragazza conserva un amore profondo, nonostante la distanza.

La Egonu si è spostata a Milano, e nella città lombarda ha deciso di rimanere quando i suoi genitori e i fratelli si sono trasferiti a Manchester per lavoro. Una scelta, la sua, dettata solamente dall’amore per la pallavolo. La sua passione nasce da giovanissima, quando a 12 anni entra a far parte della squadra della sua città natale.

Nel 2013 viene chiamata a giocare come schiacciatrice e opposto con il Club Italia, grazie al quale raggiunge il successo in Serie B, in Serie A2 e in Serie A1. In pochi anni i suoi traguardi sono innumerevoli, e nel 2015 viene convocata per la prima volta nella nazionale femminile di pallavolo. Dal 2017 gioca con l’AGIL Volley di Novara, e nel 2018 partecipa ai Mondiali in Giappone. Dal 2019 fa parte dell’Imoco Volley di Conegliano, dove ha vinto la Serie A1 nel 2020.

Paola ha senza alcun dubbio una grande passione per la pallavolo, ma non ha mai trascurato la scuola. Si è diplomata in ragioneria, dove ha sempre avuto ottimi voti; lei stessa si considera una secchiona. E ha in progetto di continuare con gli studi, iscrivendosi alla facoltà di Giurisprudenza. Il suo sogno è di diventare avvocato, per poter mettere fine alle ingiustizie e alle sofferenze delle persone che si trovano in situazioni di svantaggio.

Paola Egonu, la vita privata

Oltre alla famiglia, allo studio e alla pallavolo, Paola Egonu ritiene gli amici una parte fondamentale della sua vita. Dalle foto che pubblica sul suo profilo Instagram, abbiamo potuto vedere come, tra tutti i suoi impegni, non disdegni uscire e divertirsi.

Paola Egonu
Fonte foto: https://www.instagram.com/paolaegonu/?hl=it

A lungo non ha parlato della sua situazione sentimentale, lasciano i fan a chiedersi se ci fosse traccia invece di un eventuale fidanzato. È stata la ragazza stessa a rivelare come stanno davvero le cose: come quando ha spiegato con naturalezza e semplicità di avere una fidanzata, che si è rivelata poi essere la giocatrice polacca Katarzyna Skorupa. Dopo il mondiale perso in Giappone “ho pianto, ho chiamato la mia fidanzata. Lei mi ha consolata, mi ha detto che le sconfitte fanno male, ma sono lezioni che vanno imparate“, ha dichiarato al Corriere della Sera.

La loro storia, però, termina alla fine del 2018, e non sono noti altri flirt per quanto riguarda la schiacciatrice, che sembrerebbe essere single.

A tal proposito, prima di Tokyo 2020, ha dichiarato al Corriere della Sera: “Ho ammesso di amare una donna (e lo ridirei, non mi sono mai pentita) e tutti a dire: ecco, la Egonu è lesbica. No, non funziona così. Mi ero innamorata di una collega ma non significa che non potrei innamorami di un ragazzo, o di un’altra donna. Non ho niente da nascondere però di base sono fatti miei. Quello che deve interessare è se gioco bene a volley, non con chi dormo”.

7 curiosità su Paola Egonu

– Paola ha scoperto la pallavolo quasi per caso, e in un primo momento non era affatto interessata allo sport. Bravissima a scuola, finiva sempre i compiti con largo anticipo e passava il tempo davanti alla tv. Per questo motivo suo padre l’ha spinta ad impegnarsi in qualche hobby, ed è così che è nata una stella.

– La giovane Egonu è la ragazza dei record: ha fissato ben 47 punti in una singola partita, battendo il record di 46 punti detenuto sempre da lei.

– Paola ha dichiarato di non voler fare tatuaggi: un retaggio della sua famiglia e della religione della sua terra, per il quale ritiene il suo corpo come un tempio e preferisce rimanere pura (come rivelato in un’intervista al Corriere della Sera).

– Paola Egonu è alta 189 cm, statura che le permette un’elevazione da terra di oltre 3,30 metri, e pesa 79 kg. Il suo numero di scarpe è il 46.

– Nel 2020 ha anche prestato la sua voce in qualità di doppiatrice nel film d’animazione Disney Pixar Soul, dove interpretava il personaggio Sognaluna.

– Nel 2021 il magazine Forbes l’ha messa nella classifica degli Under 30 europei più influenti, per i suoi meriti sportivi.

-Per le Olimpiadi di Tokyo 2020, che si sono svolte in Giappone l’anno successivo a causa del Covid, è stata scelta dal CIO come portabandiera olimpica. Un grande riconoscimento per la pallavolista, che ha così commentato: “Rappresenterò tutti gli atleti del mondo”.

Paola Egonu: stipendio e dove vive

Per quanto riguardano i guadagni di Paolo Egonu, è noto che all’Imoco Volley di Conegliano percepisce uno stipendio di 400mila euro all’anno, come riportato da volleynews.it. È tra le più pagate.

Invece per quanto riguarda dove vive sappiamo che è rimasta a Milano in giovane età, come già detto, e che la sua residenza dipende dalla squadra di pallavolo in cui gioca.

TAG:
vetrina

ultimo aggiornamento: 23-07-2021


Chi è Nicole Scavuzzo, la modella transgender italiana

Marco Balich, ecco il regista (italiano) che organizza le cerimonie olimpiche