Se la Rai affida una fiction a Lino Guanciale può essere certa del suo successo: ecco tutte quelle in cui l’attore ha recitato.

Il principe delle fiction italiane. Specie quelle di casa Rai, considerato che Lino Guanciale ne è stato il protagonista per anni (e continua ad esserlo). Poter avere l’attore è spesso garanzia di successo. Lo testimoniano gli ascolti di prodotti come l’Allieva, Che Dio ci aiuti, La porta rossa, solo per citarne alcune. Il fatto di non voler rimanere troppo a lungo legato ad un personaggio (ma più di tre stagioni, questa scelta si ripropone di produzione in produzione) ha permesso all’attore Lino Guanciale di potersi mettere alla prova con altri personaggi. Ecco quali sono le fiction in cui ha recitato.

-Tutte le fiction di Lino Guanciale
Una Grande Famiglia
-Che Dio ci aiuti
La Dama Velata
Non dirlo al mio capo
L’Allieva
La Porta Rossa
Il Commissario Ricciardi

Lino Guanciale, tutte le fiction

Prima della televisione, Lino Guanciale ha lavorato per anni in teatro, il suo primo grande amore. Il debutto televisivo avviene quasi in sordina, con Il segreto dell’acqua, fiction Rai che va in onda nel 2011. Il successo arriverà poco dopo, con il ruolo di Guido Corsi in Che Dio ci aiuti, ruolo che gli consegna la notorietà.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Lino Guanciale
Lino Guanciale

In mezzo c’è però un’altra fiction di egual successo in cui inizia a farsi notare, cioè Una grande famiglia, con una sempre strepitosa Stefania Sandrelli. Da lì in avanti è una sequenza di successi, da L’Allieva, a La Dama Velata, passando per Non Dirlo al mio capo, La Porta Rossa, arrivando fino al Commissario Ricciardi. Vediamole nel dettaglio.

Lino Guanciale: con Una Grande Famiglia inizia l’ascesa

L’anno precedente, il 2011, c’era stata la prima nella serie Il segreto dell’acqua. Però è con Una grande famiglia che inizia a muoversi nel mondo delle fiction. Il ruolo è ancora marginale, seppur importante. Quello di Ruggero Benedetti Valentini, figlio di una famiglia di spicco della bergamasca, innamorato (corrisposto) di una delle figlie dei Rengoni, quella protagonista. Già lì il suo sorriso inizia ad ammaliare, e il successo cresce di stagione in stagione, in concomitanza col debutto nella fiction successiva.

Lino Guanciale in Che Dio ci aiuti: il successo

Chi scommette su di lui per il ruolo di Guido Corsi ci vede lungo. Lino Guanciale con Che Dio ci aiuti conquista definitivamente il pubblico. In questo caso il ruolo non è secondario, perché al pari di Elena Sofia Ricci e di Francesca Chillemi, il personaggio di Guido è al centro delle vicende.

L’amore per Azzurra, il passato che lo rende duro, la vita che però lo cambia in meglio. Cosa non è piaciuto ai fan? Presto detto: dopo tre stagioni decide di dire no, e per rendere ancora “vivo” il personaggio della Chillemi si decide… di farlo morire. Tragicamente.

Lino Guanciale: in La Dama Velata diventa un conte

Altro giro, altra corsa, altra fiction. Nel 2015, appena svestiti i panni di Guido Corsi, eccolo vestire quelli decisamente più nobili di un altro Guido, il Conte Guido di Fossà nella fiction ambientata a Trieste La dama velata. Protagonista con lui è la brava e bella Miriam Leone, la contessina che le ruberà il cuore e con cui alla fine di una serie di vicende che lo portano quasi al patibolo riuscirà ad essere felice. Anche qui protagonista e ormai lanciatissimo, tanto da vincere il Premio Flaiano come attore rivelazione dell’anno.

Lino Guanciale diventa avvocato in Non dirlo al mio capo

Da conte ad avvocato. Nel 2016 è Enrico Vinci in Non dirlo al mio capo: all’apparenza senza scrupoli e senza cuore, ma solo per aver tanto sofferto da bambino. Enrico nasconde un triste segreto e odia i bambini, il personaggio di Vanessa Incontrada – aspirante legale – riesce a farsi assumere nascondendo di essere madre di due figli. In questo caso la fiction si è chiusa dopo due stagioni, con tanto di lieto fine: e così il personaggio di Guanciale è stato sullo schermo dall’inizio alla fine, senza che fosse necessario qualche altro espediente.

Lino Guanciale, L’Allieva è l’ennesimo successo

Nel 2017 un’altra fiction di grande successo, ancora con protagonista Lino Guanciale: l’Allieva, adattamento dei romanzi di Alessia Gazzola. Lino è Claudio Conforti, medico legale e professore, che alla fine si innamorerà di Alice Allevi, sua specializzanda. Tre stagioni chiuse dal lieto fine: ed è il motivo per cui Guanciale ha annunciato che non ci sarebbe stato in una eventuale quarta stagione. Come già accaduto con Che Dio ci aiuti.

La Porta Rossa: Lino Guanciale commissario fantasma

Non solo l’Allieva. Anche La Porta Rossa arriva nel 2017 e con le sue due stagioni tiene incollati ai teleschermi milioni di telespettatori che lo vedono per la prima volta su Rai. Qui Guanciale è Leonardo Cagliostro, commissario che detesta gli ordini e che si ritroverà a indagare su un omicidio particolare: il suo. Bloccato da questa parte del mondo dovrà prima capire chi lo ha ucciso e perché. E soprattutto veglierà sulla donna che a Trieste, location della fiction, non si dà pace per quanto accaduto, il personaggio interpretato da Gabriella Pession.

Il Commissario Ricciardi di Lino Guanciale ci riporta indietro nel tempo

I ruoli li ha fatti un po’ tutti: due volte avvocato, imprenditore, conte e medico legale. E dopo aver fatto un moderno commissario in La Porta Rossa, eccolo nei panni di un altro commissario, quello nato dalla penna di Maurizio De Giovanni, autore anche dei libri che hanno ispirato altre fiction, come I bastardi di Pizzofalcone. In questo caso l’attore diventa Il Commissario Ricciardi.

TAG:
tv

ultimo aggiornamento: 25-01-2021


Italia’s Got Talent 2021: tutto sulla nuova edizione, dalla giuria al conduttore

Xoxo, il reboot di Gossip Girl sta arrivando: quando esce, il cast e la trama