Come usare l’Aloe Vera sotto forma di integratori e gel

Disinfettante, lenitivo, lassativo naturale

chiudi

Caricamento Player...

Come usare l’Aloe Vera? Una terapia efficacissima per contrastare l’invecchiamento e migliorare l’energia generale dell’organismo.

Come si assumono gli integratori di Aloe Vera?

Gli integratori di Aloe Vera sono consigliati principalmente a chi ha bisogno di regolarizzare l’attività intestinale. I Glucosidi presenti in maniera massiccia nelle foglie della pianta e negli estratti che ne derivano infatti sono in grado di produrre indurre la secrezione di acqua e idroliti da parte dell’intestino. Tali sostanze non venendo assorbite dal colon vanno a idratare le feci, rendendone più facile l’espulsione.

Per episodi occasionali di stitichezza si assumono al massimo 100 milligrammi al giorno assunti in due dosi da 50 mg al mattino e alla sera, lontano dai pasti principali della giornata. Tale dose può essere minore all’inizio, per testare la reazione dell’organismo all’aloe. Se dovesse essere insufficiente va gradualmente aumentata fino ad ottenere feci molle ma non liquide, per non incorrere in pesanti effetti collaterali come disidratazione, difficoltà di coordinazione muscolare, diminuzione della reattività mentale.

Si consiglia di partire da 20 – 30 milligrammi e aumentare la dosi al massimo di 10 mg per ogni somministrazione.

Gli integratori a base di Aloe Vera si presentano in succo di Aloe Vera oppure in compresse. In genere una compressa da 100 mg corrisponde a 20 mg di succo d’aloe puro. 

Come usare l’Aloe Vera sotto forma di gel?

Il gel è uno dei dure derivati principali dell’Aloe. Si ricava per spremitura dalla parte interna delle foglie, che risulta molto umida e, appunto, gelatinosa.

Veniva utilizzato fin dall’antichità per trattare le ferite dei soldati romani, evitare che andassero in putrescenza e lenire il prurito causato dal processo di cicatrizzazione e dalle stesse bende in cui la ferita era avvolta.

Le sue proprietà antinfiammatorie, lenitive e disinfettanti ne fanno un ottimo rimedio per la cura di arrossamenti, screpolature o ustioni cutanee, nonché per alleviare il prurito da scottature solari e punture di insetto.