Helen Mirren interpreta l’imperatrice Caterina II di Russia nella serie TV Caterina la Grande: ecco tutto quello che c’è da sapere.

Tra i grandi personaggi della storia a cui è stata dedicata una serie TV c’è anche Caterina II di Russia, imperatrice dal 1762 al 1796. Durante il suo regno ha cercato di modernizzare la Russia occidentale che, proprio grazie all’imperatrice, nella seconda metà del 1700 ha vissuto un suo periodo d’oro. La serie TV a lei dedicata è intitolata Caterina la Grande (il soprannome con cui è passata alla storia): è composta da quattro puntate e in Italia è andata in onda la prima volta su Sky Atlantic. Vediamo ora tutto quello che c’è da sapere su questa serie TV.

Caterina la Grande: la trama della serie TV

Nei quattro episodi (tutti della durata di circa un’ora) che compongono la serie TV Caterina la Grande vengono raccontati gli ultimi vent’anni di vita (e di regno) dell’imperatrice russa: quelli dal 1776 al 1796.

Helen Mirren
Helen Mirren

In quegli anni l’imperatrice Caterina II ha avuto un ruolo molto importate nella storia dell’Europa: ha svolto la funzione di mediatrice durante la Guerra di successione bavarese, è stata alleata della Gran Bretagna durante la Rivoluzione Americana, fu impegnata nella guerra contro la Svezia, in cui si trovò contrapposta al cugino Gustavo III.

Caterina la Grande: il cast della serie TV

A interpretare il ruolo dell’imperatrice Caterina II di Russia nella serie TV è Helen Mirren che, curiosamente, nel 2007 ha vinto il Premio Oscar per la Migliore attrice protagonista interpretando un’altra monarca: la regina della Gran Bretagna Elisabetta II nel film The Queen di Stephen Frears.

Oltre a Helen Mirren, completano il cast principale della serie TV Caterina la Grande troviamo poi anche Jason Clarke, Rory Kinnear, Gina McKee, Kevin McNally, Richard Roxburgh, Joseph Quinn, Clive Russell e Paul Ritter.

ultimo aggiornamento: 21-12-2020


Strappare lungo i bordi: su Netflix arriva la serie TV di Zerocalcare

La saggezza del tempo: su Netflix la serie TV ispirata al libro di Papa Francesco