Scopriamo le tisane per dormire che ci aiutano a rilassarci prima di coricarci e a ritrovare così i benefici di un sonno ristoratore.

Quando si affronta un periodo in cui si ha difficoltà ad addormentarsi e prendere sonno la sera diventa difficile le tisane per dormire possono rappresentare la soluzione al problema. In queste tisane, infatti, vengono utilizzate delle piante contenenti dei principi attivi in grado di favorire il sonno.

Questi rimedi possono essere utili in caso di problemi temporanei, mentre in circostanze diverse, ovvero in presenza di disturbi del sonno gravi e persistenti come ad esempio l’insonnia, è necessario rivolgersi ad uno specialista. In questi casi, infatti, bisogna valutare l’eventuale utilizzo di farmaci, oltre a dover indagare le cause che scatenano il disturbo. Vediamo ora quali erbe vengono utilizzate per la preparazione di infusi per dormire.

Tisane rilassanti per dormire: quali erbe vengono usate?

Tra le piante che trovano maggior uso nella preparazione di questi infusi c’è sicuramente la camomilla. Questa pianta erbacea viene spesso utilizzata per preparare infusi, da sorseggiare caldi, proprio per via delle sue proprietà benefiche. Ad esempio ne viene consigliato l’uso prima di andare a dormire proprio alla luce della sua capacità di favorire il sonno inducendo uno stato di rilassamento.

camomilla
camomilla

Anche la valeriana è un’altra pianta comunemente utilizzata per scopi medicinali e nella preparazione di tisane rilassanti. Da questa pianta, ovvero la Valeriana officinalis, si utilizza la radice che contiene proprio le sostanze che le donano le sue proprietà caratteristiche. La valeriana viene infatti usata come sedativo naturale proprio per la sua capacità di ridurre la sensazione di agitazione tipica degli stati d’ansia e di conciliare il sonno.

Migliori tisane per dormire

Abbiamo visto due delle piante più conosciute e utilizzate per alleviare i disturbi del sonno. Spesso, però, per realizzare una tisana rilassante per dormire vengono usate più erbe. Ad esempio si può realizzare una tisana di valeriana e melissa. La Melissa officinalis è un’altra pianta dall’alta capacità rilassante, che si può usare sia singolarmente, che in combinazione, appunto alla valeriana.

Spesso sono utilizzati insieme anche la camomilla e il biancospino, per conciliare il sonno specialmente nei momenti più stressanti. In associazione alla camomilla si può anche usare la passiflora da cui si prelevano foglie e fiori per realizzare gli infusi. La passiflora, oltre ad avere un effetto rilassante e favorire il sonno, viene anche impiegata per contrastare i dolori mestruali.


Allergia agli acari della polvere: cos’è e quali sono i sintomi

Come si manifesta l’allergia alle graminacee e cosa la scatena?