Lush Milano: il più grande store Lush italiano

Dove comprare Lush nel capoluogo meneghino

chiudi

Caricamento Player...

Lush Milano:  tre store in diversi punti della capitale italiana della moda, tra cui il più grande d’Italia, inaugurato a Novembre.

Tutte pazze per Lush

Il marchio Lush è da diversi anni anche in Italia una tentazione irresistibile per tutto quelle donne che amano prendersi cura di sé prestando attenzione alle tematiche etiche ed ecologiche più scottanti.
I prodotti Lush infatti vengono fabbricati da persone che percepiscono un compenso adeguato e utilizzano soltanto materie prime biologiche e completamente vegetali. I prodotti finali non sono testati su esseri umani o su animali e sono venduti in confezioni completamente riciclabili e a bassissimo impatto ambientale.

Lush Milano: il nuovo Store al Duomo

Piazza del Duomo è di sicuro il centro ideale di Milano, una delle vetrine principali della città e una delle location più conosciute nel mondo. Proprio in Via del Duomo 20 la Lush ha scelto di aprire il più grande store del suo franchising: un negozio di oltre 200 metri quadri da questo Novembre accoglie tutte le affezionate clienti dei prodotti Lush con la consueta esplosione di profumi, di colori e di buoni sentimenti.
Il design del nuovissimo store è ispirato a quello del flagship store dell’azienda, quello di Londra che attualmente è il più grande del mondo. Nel brevissimo periodo della sua apertura Lush al Duomo di Milano ha già ospitato due eventi, di cui uno di beneficenza, per sottolineare ancora una volta la profonda coscienza sociale che muove il brand.
Gli altri due punti vendita milanesi si trovano a Via Torino e alla Stazione Centrale di Milano.
Qui sono state ospitate in passato (e con ogni probabilità saranno ripetute in futuro) serate di raccolta delle confezioni usate dei prodotti lush. Una volta disinfettati, gli imballaggi vengono riempiti con prodotti freschi e immessi di nuovo sul mercato, per limitare il più possibile il consumo di plastica per produrre packaging.

Fonte immagine di copertina: Facebook