Laura Chiatti critica aspramente la decisione di Striscia la Notizia di assegnare il Tapiro d’Oro ad Ambra Angiolini, e lo fa attraverso un lungo post su Instagram.

Continua a far discutere la consegna del Tapiro d’Oro di Striscia la Notizia ad Ambra Angiolini, a causa della rottura di quest’ultima con il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri. Dopo l’intervento di Jolanda Renga, figlia della Angiolini, anche Laura Chiatti scende in campo e critica la decisione del programma di Antonio Ricci.

Sono profondamente infastidita ed addolorata dopo aver assistito ad un servizio come quello andato in onda ieri sera a Striscia la Notizia” scrive Laura Chiatti in un lungo post pubblicato su Instagram, “che ho trovato bieco e totalmente irrispettoso nei confronti di una grande artista, di una talentuosa attrice come Ambra Angiolini che prima di tutto è una donna di spiccata sensibilità ed una madre. Esiste una sostanziale differenza tra satira e cattivo gusto. Viviamo in un paese dove ci si batte costantemente per i diritti e la tutela delle donne attraverso i mezzi di comunicazione, quando poi ci rendiamo conto che spesso sono proprio i mezzi di comunicazione, se utilizzati in maniera sbagliata, i primi ad involvere ogni progresso e a denigrarci calpestando ogni forma di buonsenso e dignità.”

“Essere un personaggio pubblico consiste nell‘essere esposti al giudizio altrui , ma non da a nessuno il diritto di poter offendere, insultare o deridere ciò che non ha nulla a che vedere con l’aspetto professionale e che fa parte di una sfera privata che va tutelata sempre sopra ad ogni cosa” continua la Chiatti, che poi, come la figlia della Angiolini, attacca direttamente Allegri:Il tapiro forse andava consegnato all’uomo che evidentemente non ha avuto nessun tipo di riserbo nella tutela della propria compagna o ex, a lei va solo tutta la mia stima per essere riuscita nonostante tutto a non perdere l’ironia.”

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 14-10-2021


Zendaya, la storia con Tom Holland è ufficiale

Selvaggia Lucarelli contro Striscia: “Crudele quel tapiro”