Riconoscere i sintomi di una patologia diffusissima

I sintomi dell’allergia primaverile interessano un numero elevatissimo di italiani ogni anno. Prima di correre ai ripari è fondamentale riconoscerne i sintomi.

Esiste solo l’allergia primaverile? Purtroppo no

In Italia possono essere individuati ben tre periodi critici per i soggetti allergici. Ognuno corrisponde alla fioritura (e quindi alla diffusione di pollini nell’aria) di diverse specie di piante.

A ogni periodo sono associate particolari allergie:

  • allergie pre primaverili o precoci: sono causate da piante che fioriscono da Dicembre a Maggio
  • allergie primaverili – estive: causate dai pollini di piante la cui fioritura coincide con li periodo che va da Aprile a Settembre
  • allergie estivo – autunnali: sono quelle che creano in assoluto meno problemi ai soggetti allergici. Si manifestano nel breve periodo che va da Agosto a Settembre.

Non tutti i soggetti manifestano sintomi simili e con simile intensità: la gravità dei sintomi riscontrati dipende dalla concentrazione di pollini presenti nell’aria di una determinata zona. 

Quali sono i più frequenti tra i sintomi dell’allergia primaverile?

L’allergia ai pollini interessa sempre 3 aree: gli occhi, il naso, la gola (e in generale l’apparato respiratorio).

A livello del naso e delle vie respiratorie esterne l’allergia ai pollini si manifesta con: ripetuti starnuti, prurito all’altezza del palato, muco chiaro, fluido, abbondante, congestione delle mucose nasali e problemi respiratori che conducono a una sensibile riduzione dell’olfatto.

Non vanno meglio le cose per gli occhi: lacrimazione abbondante, prurito alle congiuntive, che appaiono arrossate e irritate, fastidio durante l’esposizione al sole.

A livello dell’apparato respiratorio profondo l’allergia primaverile si manifesta con difficoltà a respirare profondamente, tosse secca, talvolta stizzosa, sibili all’altezza del torace e crisi asmatiche nei casi più gravi.

Più raramente ai sintomi appena elencati possono aggiungersi fastidi a carico direttamente della gola con: bruciore diffuso al palato e alla gola vera e propria, difficoltà a deglutire, gonfiore e prurito nelle parti molli della bocca e del palato.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 09-05-2017


Si può usare la crema autoabbronzante in gravidanza o ci sono controindicazioni?

Spiagge Bandiere Verdi 2017: le più pulite e sicure d’Italia, a misura di bambino