La separazione spontanea dalla placenta e i suoi vantaggi

Sempre più donne si oppongono al parto cesareo o all’epidurale, perché vogliono che quella del parto sia un’esperienza completamente naturale. E anche dopo la nascita, esiste una procedura che permette alla natura di continuare a fare il suo corso. Si chiama Lotus Birth ed è una pratica che consiste nel lasciare il neonato collegato alla placenta per mezzo del cordone ombelicale. Questo perché deve essere la natura a stabilire il momento della separazione. Ma nello specifico, come funziona la Lotus Birth?

Perché adottarla e in che modo

In media ci vogliono 3-4 giorni perché il cordone si stacchi. In rari casi, invece, ne possono servire anche 10. Questo vuol dire che ogni caso è diverso, ed è per questo che molti sostengono l’importanza della Lotus Birth. Il neonato non ha finito di trarre sostanze nutrienti dalla placenta finché non giunge il momento. Adottare la Lotus Birth è semplice, e parte prima di tutto dal consenso informato. Se siete future mamme e volete farla, informate lo staff medico che vi seguirà e se serve firmate un modulo di responsabilità. Può essere necessario perché non è una cosa che gli ospedali sono abituati a fare.

Come funziona la Lotus Birth

Visto che è la natura a decidere tutto, la futura mamma deve limitarsi semplicemente a “non fare”. Deve solo assicurarsi che la placenta sia al sicuro in una ciotola, avvolta in un panno o dentro una federa. La placenta peserà tra i 500 e i 600 grammi, e apparirà come una densa focaccia che a poco a poco “appassirà”. Ciò accade perché il neonato la priva del nutrimento, in un vero e proprio trasferimento di energia. A procedura finita, sarà grande un quarto rispetto all’inizio. Per qualsiasi informazione, consultate il sito Lotus Birth Italia.

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19

TAG:
parto

ultimo aggiornamento: 05-06-2017


Regole della dieta giapponese

Pettinature con capelli corti per l’estate 2017