Come depilarsi con il rasoio le parti intime

Non sopportate la ceretta e non vi fidate delle creme depilatorie? Usate il rasoio!

chiudi

Caricamento Player...

Anche se negli ultimi tempi tra le donne si è diffusa la pratica di non depilarsi, noi pensiamo che invece una pelle liscia e completamente priva di peli sia sempre di moda, positiva anche dal punto di vista igienico perché, come si sa, i peli trattengono germi ed impurità e sono responsabili della formazione dei cattivi odori. Specie ‘là’.

La ceretta è un’ottima alleata, in quanto rallenta la ricrescita del pelo e tende ad indebolirlo nel tempo ma non tutte sopportano il dolore dello strappo; la crema depilatoria invece agisce più velocemente ma può essere causa di arrossamenti o macchie cutanee se applicata in presenza di brufoli o piccole escoriazioni o se non rimossa entro un certo limite di tempo.

Depilarsi con il rasoio le parti intime invece può essere un’alternativa e una soluzione: ne sono stati messi in commercio alcuni specifici per le donne che presentano al disopra della lama una strisciolina colorata che a contatto con l’acqua esercita un effetto lubrificante e lenitivo che renderà la rasatura facile e veloce. Se si decide di depilarsi completamente le parti intime, bisogna solo fare molta attenzione quando si stanno radendo le grandi labbra, avere mano ferma ed essere in una posizione in cui possiamo avere il pieno controllo della situazione; potremmo aiutarci con uno specchio di quelli piccoli, da trucco, per arrivare nei punti più difficili. Non dimentichiamo di fare il classico ‘pelo e contropelo’ per far sì che la parte rasata risulti completamente liscia.

La depilazione intima con rasoio ci permette di essere a posto in dieci minuti, ma per mantenere l’effetto dobbiamo ripeterla con frequenza: a giorni alterni se non abbiamo una ricrescita veloce, o tutti i giorni se essa tende a vedersi a distanza di poche ore.

L’importante è usare un gel depilatorio apposito per ammorbidire la pelle e una crema lenitiva post-depilazione, per evitare arrossamenti e rigonfiamenti dei bulbi piliferi più ‘difficili’.