Come fare il bucato con la cenere

Impariamo a fare il bucato con la cenere, per sbiancare in maniera naturale ed economica.

La cenere ha un elevato potere sbiancante: non per niente le nostre bisnonne la usavano abitualmente nel bucato per rendere la biancheria particolarmente candida in tempi in cui i detersivi sbiancanti erano ancora fantascienza.

Se vogliamo continuare seguendo questa tradizione ed abbracciando così una filosofia che ai tempi nostri è definita ‘bio’, possiamo imparare a fare il bucato con la cenere, in modo tale da ottenere un lavaggio perfetto dei capi bianchi senza spendere nulla. Per fare il bucato seguendo questa metodologia ‘vintage’ dobbiamo avere in casa un camino, dal quale andremo a raccogliere la cenere di combustione. Essa andrà prima di tutto setacciata in un colino, per eliminare i residui di carbone, e poi conservata in un barattolo di vetro per averla pronta all’uso in qualsiasi momento.

Per lavare un capo utilizzando la cenere, dobbiamo immergerlo per mezz’ora in una bacinella piena a metà di acqua calda, nel quale avremo versato un bicchiere di cenere: quando lo tireremo fuori dall’ammollo, se noteremo che è cosparso di puntini neri, niente paura: verranno via con il lavaggio vero e proprio, che andrà effettuato subito dopo, a mano o in lavatrice usando un detersivo neutro. Dovremo avere cura di risciacquare bene l’indumento per eliminare tutti i puntini neri che si sono accumulati sul tessuto, dopodiché lo metteremo ad asciugare: una volta asciutto ci renderemo conto di come la cenere lo abbia riportato al suo candore naturale, rendendolo praticamente come nuovo. Visto com’è facile?

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 27-11-2015

Guide Donna Glamour

X