Come conservare avocado dopo aver verificato il grado di maturità del frutto

La prima cosa da fare quando si compra un avocado è sicuramente quello di verificare quanto sia maturo. Se premete leggermente sulla buccia del frutto e vi appare morbido, l’avocado sarà maturo. Se invece vi appare duro è più probabile che sia acerbo. Qualora premiate e oltre ad essere morbido rimane un solco sulla buccia, allora significa che l’avocado è molto maturo e andrebbe consumato il prima possibile. Ricordate che la crema di avocado è davvero molto buona e spalmata sul pane, con un po’ di miele, è davvero il top.

Come conservare avocado, a seconda dei propri gusti

Se l’avocado non è ancora maturo, potrete decidere di conservarlo mettendolo in un sacchetto di carta. Questa procedura accelera il processo di maturazione. Senza il sacchetto di carta, l’avocado può impiegarci anche fino a 7 giorni per maturare. Con il sacchetto questo tempo si riduce a 3-5 giorni. Per accelerare, ulteriormente, il processo di maturazione, potrete mettere nel sacchetto con l’avocado una mela o una banana e tale arco di tempo si ridurrà a 2-3 giorni. Se invece vuoi farlo durare più a lungo ritardando la maturazione del frutto, mettilo in frigo, con le basse temperature l’avocado blocca completamente la maturazione.

Come conservare avocado, congelando la polpa o facendone dei deliziosi gelati

La polpa di avocado può essere conservata in freezer del tutto intera o in crema a messa a riposare in un sacchetto chiuso o nei contenitori appositi  trasformata in gelati naturali alla frutta, riempiendo dei bicchierini di plastica che vanno poi coperti con la pellicola per alimenti. Infilate uno stecchino da gelato bucando la pellicola e congelateli. In alternativa allo stecchino potrete utilizzare dei cucchiaini e deliziarvi cosi con un ottimo gelato del tutto naturale. La prospettiva è sicuramente allettante!


Farmaci online: come acquistarli

Cos’è acconciatura lob