Alessandra Martines svela i segreti del successo de Il Bello delle Donne

La grande attrice italiana Alessandra Martines è tornata in tv nella serie Il Bello delle Donne 4 dopo essere stata per molti anni lontana dal set.

chiudi

Caricamento Player...

Alessandra Martines, protagonista di molti film e serie tv tra cui l’indimenticabile Fantaghirò, mancava da molti anni dalla tv italiana e dal 13 gennaio è tornata sui nostri schermi grazie a Il bello delle donne. Un 2017 ricco di successo quello che attende l’attrice che nella quarta serie interpreta Françoise Leroux, un famoso architetto che si innamora dell’uomo sbagliato e per colpa sua perde tutto.

Ecco cosa racconta del suo personaggio:

“Stavo interpretando una piece di teatro di Oscar Wilde in Francia che è andata molto bene e mi hanno proposto di dare forma a questo personaggio di Francoise che è una donna architetto, e in chiave abbastanza frizzante, da commedia, quindi il fatto di poter passare da un ruolo più drammatico e impegnativo come quello in Oscar Wilde, a un personaggio in una versione più leggera, è stato piacevole e salutare”.

Per Alessandra la serie è “un bel progetto di qualità, è sempre bello tornare in Italia. Questa fiction rappresenta una tavolozza. Ci sono diverse sfumature che descrivono la personalità, i sentimenti, le fragilità, i colori di ogni singola donna. E’ come una torta di champagne. E’ piena di bollicine, sorprese e sensualità.”

Nella fiction Il bello delle donne c’è un cast femminile davvero ricco di grandi talenti che comprende, oltre ad Alessandra, anche Claudia Cardinale, Giuliana De Sio, Lina Sastri, Anna Galiena e Manuela Arcuri.

MANUELA ARCURI

Riguardo al loro rapporto l’attrice svela:“C’è questa solidarietà femminile, sia nella storia, sia c’è stata fuori dal set”.

Alessandra Martines oggi vive in Francia con il suo compagno Cyril Descours, anch’egli attore, e lavora sia nel mondo del cinema che del teatro.

Dove la vedremo dopo Il bello delle donne?

“Prossimamente mi vedrete in questa fiction, poi in un film per il cinema francese“.

Fonte foto: pinterest.com/source/celiavincenzo.altervista.org