Stefano Corti, chi è il presentatore di Ridiculousness Italia

La scheda di Stefano Corti, vincitore di Pechino Express e conduttore della prima edizione di Ridiculousness Italia

chiudi

Caricamento Player...

Stefano Corti è un personaggio televisivo conosciuto dal grande pubblico per aver ricoperto per diversi anni il ruolo di “Iena” durante il popolare programma televisivo di Italia 1. Come dimenticare del resto personaggi trash, ma al tempo stesso divertenti come Lello l’amico dei calciatori, il twerkatore e l’infiltrato. Dopo le Iene è stato protagonista, peraltro vincitore finale, del reality show televisivo Pechino Express.

Chi è Stefano Corti?

Classe 1985, Stefano Orti è nato il 18 luglio a Milano. Come tanti colleghi e personaggi del mondo dello spettacolo ha cominciato a lavorare come animatore turistico in diversi villaggi in giro per l’Europa. Lunghi anni di lavoro, ma al tempo stesso gavetta che l’hanno portato nel 2012 a diplomarsi presso l’Accademia Teatrale di Milano. Poco dopo entra nel cast de “Le Iene” diventando in breve tempo uno dei personaggi più divertenti e amati dal pubblico dei giovanissimi. I suoi personaggi diventano un vero e proprio cult e colpendo personaggi più o meno noti del mondo dello sport e dello spettacolo.

Pechino Express

Dopo Le Iene diventa uno dei concorrenti della terza edizione del docu-reality Pechino Express presentato da Costantino della Gherardesca su Raidue. Un’esperienza forte, ma al tempo stesso impegnativa per Stefano che decide di condividere con il suo amico e coinquilino Alessandro Onnis. I due conquistano la vittoria finale e nel 2015 ritornano insieme come inviati al programma di Italia Le Iene. Attualmente Stefano Corti è impegnato nella conduzione della prima edizione italiana di Ridiculousness Italia trasmesso in prima serata su MTV. Si tratta della versione italiana del celebre show americano diventato un vero e proprio fenomeno televisivo mondiale. L’edizione italiana è affidata alla conduzione della coppia Corti – Onnis e alla bellezza persiana di Giulia Salemi.

(fonte foto: Facebook)