Soggiorni in castello in Emilia Romagna

L’Emilia Romagna, terra d’arte e di ottima cucina, possiede molti castelli incastonati nella natura.

chiudi

Caricamento Player...

Con la nostra guida vi proponiamo un soggiorno in tre “gioielli” dell’Emilia Romagna.

Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino

Salsomaggiore Terme (Parma), sec.XI

Immerso nelle colline tra Parma e Piacenza, nella tranquillità di una borgo medievale poco distante a Salsomaggiore Terme, il Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino è tra i più antichi della regione.

Gli ospiti hanno a disposizione due suites con ingressi indipendenti nella torre trecentesca, dove poter trascorrere un soggiorno romantico. Gli interni del castello sono arredati con stoffe ricercate e mobili d’epoca. Le mura sono dipinte, i soffitti in legno, i pavimenti in cotto antico. Nel borgo di fianco al Castello è possibile gustare la tipica cucina di un ristorante a conduzione famigliare.

Il Castello del Capitano delle Artiglierie

Terra del Sole, Forlì Cesena, sec. XVI

Nato come struttura militare, il Castello oggi offre ai visitatori una location unica con i suoi saloni dai soffitti lignei a cassettoni, gli affreschi di Felice Giani, le cantine Medicee e l’osteria dove gustare le specialità enogastronomiche romagnole. Il Castello propone tre eleganti Suites: la Suite Gran Duca, 100 metri quadrati di eleganza e comfort ai massimi livelli; la Suite Famiglia Medici, composta da due stanze, una con camino e letto matrimoniale, quella attigua con letto matrimoniale e vasca in camera; la Suite del Cardinale, composta da due stanze, di cui una con letto matrimoniale a baldacchino di colore rosso.

Castello di Tabiano

Salsomaggiore Terme (Parma), sec. XII

Il Castello di Tabiano è una location molto ambita per congressi, mostre, meeting, seminari, corsi di formazione, team building e cene di gala. Il Castello fa parte della Tenuta di Tabiano, che comprende anche l’azienda agricola, antichi casali recentemente con piscina e giardino privati e il Borgo medioevale.

Fonte foto copertina: www.castellodiscipione.it