Passare troppo tempo davanti a un pc non è un’abitudine giusta. Ecco alcuni consigli per chi soffre di secchezza agli occhi e mal di testa

In molti, da quando è scoppiata la pandemia, hanno dovuto fare i conti con un cambio di abitudini – lavorative e non – repentino. Tantissimi erano già abituati a lavorare al pc, per la natura del proprio lavoro. Ma negli ultimi tempi le ore che passiamo davanti ai piccoli e grandi schermi si è più che moltiplicato. Basti pensare che anche le riunioni, adesso, vengono fatte tutte tramite Skype, Zoom e altre piattaforme che supportano questa metodologia. In tutto questo, però, sempre più persone hanno cominciato ad accusare stanchezza agli occhi e in alcuni casi anche dei mal di testa.

Smart working: come proteggere gli occhi

Alcuni consigli, per combattere la stanchezza degli occhi, è arrivato dal Harvey Moscot, ceo del famoso brand di occhiali che si trova a New York. Proprio il dottor Moscot, infatti, ha ammesso che non sempre gli occhiali possono essere dei rimedi a tutto, anche se sono molto efficaci.

Tra gli esercizi che possono essere fatti, inoltre, quando accusiamo un po’ di secchezza agli occhi c’è quello di sbattere le palpebre.

“È un dato di fatto che il nostro battito di ciglia diminuisce in modo significativo (fino a 5 volte meno) mentre si lavora e si fissa lo schermo del computer. Questo può provocare secchezza degli occhi. È importante riconoscerlo e sbattere le palpebre, ossia chiudere gli occhi, ogni 15-20 minuti mentre si fissa il monitor”.

Possono essere utilizzate, in alcuni casi, anche le lacrime artificiali così da mantenere gli occhi umidi.

lavoro e concentrazione
lavoro e concentrazione

Non solo gli occhi, importante anche la postura

Gli occhi non solo gli unici che possono risentire dalle troppe ore passate davanti al pc. Anche la postura che si assume, in questi casi, ha la sua rilevanza. Il fatto che ci troviamo in un ambiente più confortevole, infatti, non ci deve far assumere una postura sbagliata e scorretta.

Importante, inoltre, è non rivolgere mai il pc verso una finestra in modo che il riflesso non vada a finire sullo schermo e ci rende il tutto ancora più difficile da vedere.

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19


Avete mai mangiato il corbezzolo? Ecco cos’è e a cosa serve

Tutto quello che devi sapere sulle mascherine FFP3