Il corbezzolo, frutto tipicamente autunnale, ha tantissime proprietà anche se è davvero poco conosciuto. Ecco come si mangia e a cosa serve.

Avete mai sentito parlare del corbezzolo e delle sue proprietà nutrienti? Se la risposta è no, beh allora ve lo diciamo noi a cosa serve e soprattutto come si mangia. Prima di tutto va ricordato che è un frutto prettamente autunnale. Di colore rosso, per certi aspetti, potrebbe assomigliare a una bacca, anche se le sue dimensioni sono decisamente più grandi. Importante, inoltre, non è solo il frutto ma anche la pianta che può essere utilizzata – come rimedio naturale – sia per curare la cistite sia la diarrea.

Le proprietà del corbezzolo

Nonostante sia una pianta molto poco conosciuta va ribadito che le proprietà sono davvero molteplici e contenute non solo nel frutto ma anche nelle sue foglie e nelle radici. Si è scoperto, infatti, che ha delle grandi proprietà officinali.

Tra le proprietà del corbezzolo ricordiamo che è pieno di vitamine e antiossidanti ma non solo, perché è anche un ottimo anti-infiammatorio. Il corbezzolo, inoltre, ha anche un effetto diuretico ed è indicato per combattere la cistite e le infiammazioni alle vie urinarie.

Per chi non lo sapesse questo frutto autunnale aiuta anche il fegato, soprattutto le sue foglie, abbassa la pressione ed è un ottimo balsamico e antisettico.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

corbezzolo
corbezzolo

Corbezzolo: come si può mangiare?

La domanda sorge spontanea: ma come si può mangiare il corbezzolo? Beh può essere preparato in tantissimi modi diversi. Dalle macedonie allo yogurt finanche ridurlo a una marmellata. Insomma in cucina potrete dare sfogo al vostro estro, la cosa importante però è quello di non abusarne troppo nel consumo.

Non tutti lo sapranno ma esiste anche un miele di corbezzolo, molto raro, ma che può essere utilizzato anche come rimedio naturale e secondo alcuni studi avrebbe anche degli effetti anticancerogeni. In ultimo, inoltre, il corbezzolo può essere usato anche come una semplice tisana.


La dieta ai tempi dello smart working: ecco qualche consiglio utile

Smart working: ecco come non stancare gli occhi