Rimedi contro la rinite allergica

Dai farmaci ai rimedi naturali ed erboristici per combattere la rinite allergica

chiudi

Caricamento Player...

La rinite allergica è un disturbo che affligge molte persone principalmente da marzo a ottobre. Prima ci sono gli alberi in fiore, poi le graminacee, i cereali, le piante erbacee e infine le muffe in autunno. Ma in che cosa consiste? I fastidi che causa sono tanti, quali prurito a occhi, naso e gola, tosse, occhi che lacrimano, naso chiuso, starnuti frequenti. I soggetti allergici possono decidere di ricorrere ai farmaci, o a rimedi contro la rinite allergica che siano invece del tutto naturali. Qual è la differenza?

Farmaci contro la rinite allergica

Le cure tradizionali prevedono la somministrazione di prodotti antistaminici, broncodilatatori e cortisonici. Si tratta di medicine che tengono solo sotto controllo i sintomi, per migliorare la qualità della vita dell’interessato. Altrimenti, ci si può sottoporre a immunoterapia diventando a poco a poco abituati all’allergene stesso. Tutto ciò va accompagnato a uno stile di vita coscienzioso, abolendo il consumo di alcolici, cibi grassi, zucchero bianco, cioccolato, molluschi e crostacei, fragole, frutta secca, latticini, formaggi fermentati, insaccati, pomodori e uova. Questi alimenti infatti aumentano la produzione di istamina e muco.

Rimedi contro la rinite allergica di origine naturale

Esistono broncodilatatori e antistaminici anche in natura, e sono detti rimedi fitoterapici. Ne è un esempio l’adatoda, che aiuta a respirare meglio e allevia i sintomi allergici. La curcuma longa, la liquirizia e la quercetina (un bioflavonoide naturale) diminuiscono il rilascio di istamina. Il carpino invece scioglie il muco e ripara la mucosa. Importanti anche gli antinfiammatori, come l’olio di enotera, la propoli e la mela cotogna. Stessa cosa per la rosa canina che è anche antiossidante ed è grande fonte di vitamina C. Il ribes nero infine agisce come il cortisone, ed è antistaminico e analgesico senza la tossicità riscontrata dall’assunzione di farmaci in scatola.