Purple Bread, si può comprare all’estero?

Scopri se e dove è possibile reperire in commercio il supercibo del momento: il purple bread ovvero il pane viola del dottor Zhou Weibiao

chiudi

Caricamento Player...

Zhou Weibiao, scienziato della Università Nazionale di Singapore e l’inventore di una una ricetta che sta facendo discutere il mondo della scienza e della cucina. Si tratta del purple bread ovvero del pane viola. Un alimento inedito e innovativo che presenterebbe, stando a quanto dichiarato dallo scienziato giapponese, le stesse caratteristiche del pane bianco apportando però maggiori benefici alla salute dell’uomo.

Purple bread : i benefici del pane viola

La ricetta innovativa di Zhou Weibiao è semplice:  lo scienziato ha cercato di aggiungere al pane bianco, per intenderci il pane classico che quotidianamente trova spazio nelle cucine di milioni di persone, un ingrediente in più. Si tratta della antocianine, ossia un gruppo di flavonoidi noti per colorare alcuni alimenti di uso quotidiano come le rape, i mirtilli oppure l’uva. Queste antocianine sono una classe di pigmenti idrosolubili che aggiunti al cibo li renderebbero di colore viola. In realtà Zhou durante l’esperimento si è reso conto che il composto chimico di antocianine e amidi conferirebbe al pane si la colorazione viola, ma anche un abbassamento dell’indice glicemico rendendo così questo pane facilmente digeribile.

Purple Bread: non ancora in commercio

Naturalmente quanto detto da Zhou con la sua invenzione del pane viola ( purple bread) è ancora da accertare. La possibilità che questo supercibo dal colore viola possa risultare più digeribile e fruibili per le persone affette da diabete è ancora da accertare con dati certi alla mano. Sicuramente la presenza di antocianine nel pane viola renderebbe quest’alimento ricco di antiossidanti e antinfiammatori proprio come accade già con le rape, le patate viola, i mirtilli e i frutti rossi. Al momento il purple bread ovvero il pane viola non è ancora stato commercializzato proprio perché bisogna accertare e verificare quanto detto dallo scienziato che starebbe già in contatto con diverse major del settore alimentare per farlo arrivare nei supermarket internazionali.