La vostra lavatrice emana cattivo odore o c’è acqua che resta nel cestello? Vediamo come pulire il filtro della lavatrice per risolvere.

A lungo andare la lavatrice ha bisogno di manutenzione se volete che il vostro bucato sia sempre splendente. Per questo motivo ci sono sezioni dell’elettrodomestico a cui dedicare una particolare cura nella pulizia, oltre a dover pulire la guarnizione, è bene anche pulire il filtro della lavatrice. Vediamo come fare e con quale frequenza eseguire le operazioni di pulizia.

Pulizia filtro lavatrice: quando farla

Quando dal cestello si percepisce cattivo odore o per giunta resta anche dell’acqua sul fondo, è arrivato il momento di controllare i filtri della lavatrice e capire qual è il problema. I motivi principali che possono portare il filtro a intasarsi sono i residui. Per evitare che il filtro si intasi del tutto, sarebbe quindi opportuno prestare attenzione ad ogni lavaggio, ma come fare?

Cosa lavare in lavatrice
Cosa lavare in lavatrice

È bene non esagerare mai con detersivo e ammorbidente, anche i residui stessi del sapone vanno infatti ad accumularsi nel filtro. Oltre al detersivo, nel filtro si possono accumulare anche briciole, capelli o la lanugine dei vestiti, ma anche piccoli oggetti come monetine o bottoni, per questo sarà inevitabile ricorrere alla pulizia ogni 4 – 6 mesi.

Come pulire il filtro della lavatrice

Il filtro della lavatrice è posizionato solitamente dietro un piccolo sportello, facilmente individuabile, che può trovarsi nella parte anteriore o posteriore. Ci sono anche lavatrici sprovviste di filtro che utilizzano meccanismi differenti per garantire la pulizia. Se non riuscite a trovare subito la posizione del filtro può essere utile controllare le istruzioni per verificare di modello in modello.

Una volta individuato arriva il momento di aprire lo sportellino dietro cui è alloggiato il filtro. Prima di farlo però disponete nelle vicinanze una bacinella e qualche panno per asciugare eventuali fuoriuscite di acqua che possono verificarsi durante l’apertura. Per svitare il filtro solitamente bisogna procedere con una rotazione in senso antiorario, anche in questo caso è utile controllare le istruzioni, nel caso in cui ci siano modi particolari per svitare il filtro.

A questo punto non vi resta che verificare le condizioni del filtro e pulirlo o rimuovere eventuali oggetti che lo abbiano ostruito. Per il lavaggio potete utilizzare dell’acqua calda o tenerlo in ammollo per un po’ nel caso in cui sia particolarmente sporco. Nel frattempo potete dedicarvi alla pulizia dello scomparto e verificare che non vi siano residui o oggetti rimasti anche nell’alloggiamento. Se, invece, il filtro non si riesce a rimuovere potrete solo limitarvi a pulirlo all’interno del vano per quanto possibile. Dopo la pulizia non vi resta che rimontare il filtro e richiudere lo sportellino. Se il filtro dovesse essere incastrato perché vi si è accumulato troppo calcare, o il problema non dovesse risolversi dopo la pulizia, dovrete rivolgervi a un tecnico ed eventualmente sostituire il filtro.


Come sostituire l’ammorbidente con alternative naturali

Come bucare le conchiglie senza romperle: i metodi con e senza trapano