Come lucidare il legno: i passi da seguire per ottenere un risultato praticamente perfetto, in modo semplice e veloce.

Come lucidare il legno è una delle domande che ci si pone più spesso. Sopratutto quando dopo aver realizzato qualcosa con del legno grezzo, il risultato è spento o, ancor peggio, opaco.
Per poter ottenere un legno bello da vedere occorre infatti effettuare alcuni passi fondamentali che renderanno la superfice brillante e bella sia alla vista che al tatto.

Come lucidare il legno grezzo: i passi da compiere per un risultato soddisfacente

Quando si acqusita del legno per creare mensole o mobili fai da te, uno dei passi fondamentali per poter considerare il lavoro concluso è la lucidatura del legno. Questa è molto importante e si compone di alcuni step semplici ma indispensabili.

lucidare legno
lucidare legno

Lucidare il legno grezzo serve infatti a rendere la superficie liscia e brillante, donando risalto alle trame naturali del mobile. Ma come fare per lucidare il legno? Prima di tutto, dopo averlo lavorato bisognerà bagnarlo. Questo significa imprimere una spugna d’acqua e passarla sul legno lasciandolo poi asciugare. A questo punto occorre usare il turapori. Questo aiuta ad evitare le fibrille (quelle che rendono il legno ruvido) e a chiudere del tutto i pori del legno.

Qualora si desiderasse un legno più che lucido si può invece usare la cera. In tal caso il turapori si potrà evitare perché la cera, da sola (ovviamente quella per legno), andrà a fornire il medesimo risultato.

Come lucidare il legno verniciato: la tecnica per non sbagliare

Spesso può capitare di aver voglia di colorare il legno, trovandosi così a dover lucidare un tavolo di legno colorato o un’altra superficie di legno verniciata. In tal caso la lucidatura andrà fatta ovviamente dopo.

Per non sbagliare occorre prima di tutto bagnare il legno con dell’olio apposito e passare il lucido ben diluito con un tampone. La scelta di tamponare nasce dall’esigenza di non graffiare il legno e di non creare effetti spiacevoli sulla verniciatura appena fatta. Far asciugare naturalmente e ripetere la stessa azione fin quando non si otterrà il risultato desiderato. In genere i passaggi necessari vanno da tre a cinque. Cosa che cambia in base alle proprie esigenze


Come aggiustare una cerniera con una cannuccia: un modo “lampo” che funziona!

L’alluminio per alimenti fa male? Non se usato correttamente