Potassio basso: sintomi e alimenti per contrastare l'ipokaliemia

Potassio basso: rischi, sintomi e alimenti per contrastare l’ipokaliemia

Come riconoscere i sintomi in caso di potassio basso e quali alimenti ne contengono ricche quantità.

La carenza di potassio, definita ipokaliemia, può manifestarsi in qualunque momento e ad ogni età. Quando si ha un deficit di questo minerale ci si sente stanchi e deboli, nonostante il riposo. Questa situazione di solito dipende da un’alimentazione scorretta o dall’abuso di alcuni farmaci.

Riuscire a ristabilire i livelli ottimali di potassio è possibile attraverso un’alimentazione equilibrata e ricca di tale minerale. Inoltre, bisogna sempre considerare il tipo di vita che si fa e quanta energia si consuma durante la giornata. Uno sportivo, ad esempio, avrà bisogno di una quantità maggiore di potassio.

Vediamo, dunque, attraverso quali alimenti si può introdurre il potassio nell’organismo e quali sono i possibili rischi in caso di carenza di questo minerale.

banana
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/banane-frutta-manipolazione-studio-2181470/

Carenza di potassio: sintomi e rischi

• Se i livelli di potassio non sono nella media si inizia ad avvertire maggiore stanchezza. Si è dunque rallentati e si ha difficoltà a concentrarsi. Di conseguenza si è meno produttivi durante la giornata e non si riescono a fare le cose di tutti i giorni.

• I muscoli si indeboliscono e si perde tono. Chi pratica attività sportiva noterà una minore prestazione fisica e pochi risultati. In questo caso sarà necessario mangiare cibi con un alto contenuto di potassio e fare una visita di controllo.

• I sintomi si avvertono anche a livelli di reni, che funzionano male, e rallenta il battito cardiaco in quanto fa fatica a pompare sangue. Di conseguenza si avverte una costante sensazione di spossatezza, gonfiore e fatica nei movimenti.

Fonti di potassio negli alimenti

In generale la presenza di potassio è rilevante in frutta, verdura, pesci e carni fresche. L’apporto quotidiano raccomandato è di 3,2 grammi.

Quando si parla di verdura non possono mancare i cavolfiori, gli spinaci e gli asparagi. Ottimi anche i piselli e le patate. Da provare anche il prezzemolo, le cui radici sono ricche di potassio.

Per quanto riguarda la frutta, scegliete l’uva, le mele cotte e le banane che, grazie al potassio, sono ideali in caso di diarrea. La banana è tra gli alimenti più conosciuti per la presenza potassio e fibre ed è molto consumata dagli sportivi. Aiuta quindi a ritrovare energia e l’equilibrio intestinale. Ottime anche le fragole, ricche non solo di potassio, ma anche di acido folico, vitamina C, e fibre.

Tra le varianti di pesce sono consigliati il salmone, ma anche il merluzzo e le sardine. La carne, invece, vi è una buona quantità di potassio sia in quella rossa che in quella bianca.
Molto ricche di questo minerale anche le radici del prezzemolo, che contribuiscono al buon funzionamento del sistema nervoso.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/banane-frutta-manipolazione-studio-2181470/

ultimo aggiornamento: 28-05-2019

X