Calcoli renali: come riconoscerli e cosa mangiare?

Che cosa sono i calcoli renali e come riconoscerli: tutti i sintomi e le indicazioni alimentari da seguire per alleviare e prevenire il fastidio.

I calcoli renali, purtroppo possono colpire da un momento all’altro causando delle fortissime fitte che spesso si confondono con una cattiva digestione. Questo dolore molto forte si avverte in corrispondenza dell’ultimo tratto della schiena all’altezza dei reni. La sensazione è proprio quella di una coltellata che viene causata dalla presenza dei calcoli.

Questi sono come dei piccoli sassolini che si formano nei reni e si spostano dalle vie urinarie negli ureteri. Questi “sassolini” non sono altro che composti di sali minerali e acidi urici che durante il loro passaggio causano dolore. Vediamo come eliminarli o prevenirne la formazione.

calcoli renali
Fonte foto: https://pixabay.com/it/stomaco-salute-dieta-dessert-3532098/

Calcoli renali: sintomi

Il classico sintomo che si avverte con una colica renale è un forte dolore addominale che arriva alla parte immediatamente sotto le costole all’altezza dei reni. A volte questo dolore si espande verso il basso fino all’inguine.

Quando i calcoli sono più grossi si possono trovare delle tracce di sangue nelle urine. Questo sintomo può far spaventare, ma in realtà vuol dire che questi sassolini stanno andando via. Durante il passaggio questi tendono a sgretolarsi e pian piano vengono espulsi attraverso le vie urinarie.

Un altro sintomo che si avverte nei casi più gravi è nausea accompagnata da vomito. In alcuni casi si hanno anche fenomeni di sudorazione, pallore e tachicardia oltre al bisogno di andare spesso al bagno per fare pipì.

Calcoli renali: dieta

Il primo consiglio è quello di bere tanto per aumentare il volume urinario. L’ideale è bere dai due ai tre litri di acqua al giorno. Spesso, in presenza di calcoli renali si consiglia di preferire l’acqua alle altre bevande, scegliendo per un breve periodo preferibilmente acque mineralizzate ricche di sodio e di calcio.

Chi soffre di calcoli renali deve fare molta attenzione al consumo di sale. Mangiare senza sale apporta un miglioramento al lavoro dei reni. Basti pesare che l’80% del sodio introdotto con il cibo viene eliminato dai reni per finire poi nelle vie urinarie. Diminuendo le dosi, o eliminandolo per un breve periodo, si diminuiscono i problemi di calcoli renali.

Attenzione anche a non trascurare il consumo dei carboidrati. Se si segue un’alimentazione sportiva o una dieta chetogenetica con molte proteine fate molta attenzione perché potete causare danni al fegato e ai reni. Questi, non essendoci più abbastanza carboidrati per produrre energia il corpo dovranno lavorare di più per eliminare i prodotti di scarto delle proteine e andranno a cercare nutrimenti altrove, come ad esempio nelle proteine.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/stomaco-salute-dieta-dessert-3532098/

ultimo aggiornamento: 30-08-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X