La pelle a buccia d’arancia è uno dei peggiori tormenti che le donne affrontano quotidianamente, vediamo come eliminarla.

Quando si parla di pelle a buccia d’arancia ci si riferisce al tipico effetto che si sviluppa con la comparsa della cellulite. È proprio la tanto odiata cellulite a far assomigliare la pelle proprio alla buccia d’arancia, spesso dura al tatto e dall’aspetto granuloso come quello dell’agrume.

A dover fare i conti con questo genere di inestetismi sono soprattutto le donne. Il motivo? Una delle cause della cellulite è da ricondursi proprio agli sbalzi ormonali, anche se non si tratta dell’unico fattore coinvolto. Vediamo cosa si può fare per riuscire a eliminare e prevenire il problema.

Come eliminare la pelle a buccia d’arancia

Prima di ricorrere a veri e propri rimedi ci sono delle regole che si possono osservare per cercare di ridurre il problema alla radice e prevenire così la sua insorgenza. La prima arma a nostra disposizione è data dall’alimentazione. Evitare la disidratazione è fondamentale per cui l’ideale è fare attenzione agli introiti di liquidi e stare, invece, alla larga da bevande gassate, alcolici ed eccessi di caffeina.

donna bere acqua
donna bere acqua

Al contempo moderare il consumo di sale può aiutarci ad evitare la ritenzione idrica. Bisogna però sempre tenere conto che i problemi di ritenzione e la cellulite stessa sono influenzati anche da altri fattori. Anche la predisposizione genetica, ad esempio, gioca un ruolo importante.

Pelle a buccia d’arancia: i rimedi

Per ridurre l’effetto a buccia d’arancia si può ricorrere a degli impacchi naturali per alleviare l’effetto delle fossette provocate dalla cellulite. Potete preparare dei fanghi fai da te a casa con argilla verde e acqua tiepida, da applicare sulle zone interessate per circa mezz’ora.

Scrub al caffè
Scrub al caffè

Anche gli impacchi di caffè sono facili da preparare e possono venirvi in aiuto contro la cellulite. Tutto ciò che vi occorre è utilizzare i fondi di caffè, o il caffè macinato, amalgamandoli con dell’olio. Aggiungendo un po’ di sale al composto, l’impacco può diventare uno scrub da preparare anche in quantità maggiori e usare al bisogno applicandolo per 15-20 minuti circa e ripetendo un paio di volte a settimana.


Come si presenta l’orticaria solare e quali sono i trattamenti

Gli effetti positivi dell’esercizio fisico sul cervello