Scopri il nipplegasm, l’orgasmo del capezzolo!

5 errori da evitare in palestra

Negli Stati Uniti il nipplegasm è l’ultima frontiera del piacere. Vediamo di cosa si tratta e come stimolarlo!

I capezzoli sono spesso trascurati durante il sesso. Eppure, sono un’importante zona erogena, tanto da poter provocare il nipplegasm, ovvero l’orgasmo del capezzolo.

Come spiegato in un articolo di Saloon, il nipplegasm negli Stati Uniti è ormai diventato la nuova frontiera del piacere. Raggiungerlo, però, non è alla portata di tutti. Vediamo come stimolarlo!

Come stimolare il nipplegasm, l’orgasmo del capezzolo

nipplegasm orgasmo del capezzolo
FONTE FOTO: https://it.pinterest.com/pin/549861435746508186/

Secondo la sessuologa Carol Queen, non tutti possono provare il nipplegasm. Per raggiungere l’orgasmo dei capezzoli bisogna prima di tutto essere disposti a sperimentare il sesso in tutte le sue forme, e poi bisogna avere la capacità di eccitarsi stimolando non solo ai genitali, ma anche altre parti del corpo. Chi è abituato al sesso ordinario, insomma, probabilmente avrà difficoltà.

Per dimostrare la potenza della stimolazione dei capezzoli, lo psicologo Barry Komisaruk della Rutgers University ha monitorato il cervello di undici donne, mentre si toccavano la vulva e i capezzoli. Dallo studio è emerso che, sia toccando i capezzoli, sia la vulva, si accendono le stesse zone del cervello. L’effetto, quindi, è praticamente lo stesso.

Un altro studio, condotto dal dottor Herbert Otto, ha dimostrato che ben il 29% delle donne prova il nipplegasm almeno una volta nella vita, tanto da poterlo definire il secondo tipo di orgasmo più comune, dopo quello clitorideo.

Il nipplegasm, però, non è qualcosa che solo le donne possono provare. Dallo studio di Komisaruk, infatti, è emerso che la stimolazione del capezzolo fa accendere anche negli uomini le stesse zone che si accendono stimolando il pene.

Sia per gli uomini che per le donne, comunque, l’elemento più importante è la voglia di provare nuove sensazioni. “Più si è disposti alla sperimentazione, più si vive il sesso come un’avventura che non si esaurisce mai, più sarà facile raggiungere l’orgasmo del capezzolo. – ha spiegato la Quee – Il primo passo? Crederlo possibile”.

FONTE FOTO: https://it.pinterest.com/pin/549861435746508186/

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 10-12-2017

Redazione Roma

X