Milano Fashion Week 2017: dove dormire?

Una sistemazione da sogno per vere fashion addicted

chiudi

Caricamento Player...

Milano Fashion Week 2017: dove dormire durante la più frenetica settimana milanese? Muovendosi con un po’ di anticipo si trovano ancora buone offerte.

Quando e come vedere la Milano Fashion Week 2017?

La settimana dedicata alla moda quest’anno verrà celebrata a Milano tra il 22 e il 27 Febbraio. Gli eventi, di cui è possibile consultare un calendario sul Sito della Camera Italiana della Moda, sono molto fitti. Procederanno dalle 9.00 del 22 Febbraio alle 13.00 del 27, alternando sfilate vere e proprie a rassegne stampa, selfie party, cocktail e altri eventi.
Tutti gli eventi della Milano Fashion Week sono su invito: le case di moda organizzatrici si riservano il diritto di inviare inviti personali a ospiti scelti con molta attenzione. E’ quindi praticamente impossibile assistere a una sfilata se non si è in possesso di uno di questi inviti.

In alternativa, compilando un apposito modulo con diverse settimane di anticipo e fornendo delle credenziali adeguate, si può entrare in possesso di un accredito stampa che comunque non consente di assistere alle sfilate.

Milano Fashion Week 2017: dove dormire

Se si è tra i fortunati possessori di un invito a uno degli eventi della settimana ci si dovrebbe cominciare a muovere fin d’ora per trovare soluzioni comode negli hotel che ancora non sono stati invasi dalle prenotazioni: l’anno scorso infatti Milano ha avuto un afflusso turistico maggiore anche di quello di Parigi nel mese di Febbraio.
Il Best Western Atlantic Hotel è ancora libero e offre diverse soluzioni tra i 200 e i 300 euro per l’intera settimana.
L’Hotel Mennini, centralissimo, ha fasce di prezzo molto più alte. Una camera matrimoniale per tutta la settimana delle sfilate può arrivare a costare, con colazione inclusa, oltre mille euro.
Hotel Da Vinci, i Via Senigallia, si colloca in una fascia di prezzo media: tra 600 e 700 euro il costo del pernotto per tutti i giorni delle sfilate.

Fonte immagine di copertina: Camera della Moda Italiana