Little Big Shots: come funziona?

La nuova trasmissione su Mediaset dall’America approda qui in Italia

chiudi

Caricamento Player...

La nuova trasmissione che riempirà il palinsensto per l’autunno Mediaset con una fresca novità si chiama: Little Big Shots. La trasmissione americana è apparsa sulla NBC l’8 Marzo 2016 ha conquistato il pubblico tanto da richiedere una seconda edizione. In Italia ci intratterrà in autunno.

Cos’é e come funziona Little big shots

Si tratta di un nuovo talent ma con delle differernze sostanziali e degli elementi vincenti tratti dagli ultimi talent di successo.

Innanzitutto i concorrenti sono giovanissimi puntando su un pubblico anche molto vasto quindi di telespettatori. L’età così giovane è stato già uno dei motivi di successo di molte trasmissioni in tantissimi campi. Dalla musica alla cucina, dalla danza ai tanti programmi che vedono i piccoli concorrenti coinvolgere il pubblico con le loro abilità molto spesso strabilianti.

Questa nuova trasmissione prevede molti campi, non si concentra su uno specifico ma mostra dei talenti. I giudici non fanno parte della formula che evita giudizi e tensioni per concentrarsi sull’esito comico e divertente che scaturisce dalle interviste e dalle chiacchierate dei presentatori con i piccoli concorrenti.

Non si conosce il nome del presentatore ancora. Il  dubbio è tra due eccellenti conduttori. Gerry Scotti già impeganto quest’autunno con i suoi quiz prenderà parte a questa nuova avventura.

Il secondo è Paolo Bonolis che, dopo un periodo incerto sul suo futuro, in cui si era vociferato di una sua possibile partenza per la Rai, ci sia stato un rinnovo del contratto con il nuovo programma sul piatto delle offerte.

Paolo Bonolis non è nuovo in questo genere di programma; Chi ha incastrato Peter Pan, sfruttava la stessa formula con interviste in cui è la spontaneità dei bambini a creare umorismo e intrattenimento.

Non ci resta che attendere la nuova trasmissione e scoprire i nuovi talenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte immagine di copertina: Wikipedia