Grande qualità e prezzi accessibili per due pilastri della pasticceria veneziana (nota per autore: immagine da fonte non conforme)

Le migliori pasticcerie a Venezia hanno saputo assicurare nel corso degli anni standard di qualità ancora altissimi, cortesia nel servizio e prezzi contenuti.

Il Bar Pasticceria Ballarin

Si trova a Cannareggio 5794 nei pressi del ponte di Rialto questo famosissimo bar in cui generazioni di Veneziani e di turisti hanno consumato le migliori colazioni della città. Le dimensioni dei dolci (soprattutto delle meringhe) sono davvero ragguardevoli e la qualità è rimasta immutata da sempre.
Caffè e cappuccini sono perfettamente all’altezza del resto dei prodotti dolciari. Il caffè schiumato in particolare è un cremoso cappuccino in miniatura, in cui inzuppare, volendo, anche alcuni dei moltissimi biscotti esposti in vetrina. Nel periodo di carnevale, che è ormai prossimo, il bar è rinomato per le sue frittelle, dolci tipici simili alle castagnole e ripieni di crema. Una variante meno ortodossa è quella alla nutella, che incontra il gusto soprattutto dei più piccoli.
Ciliegina sulla torta sono i prezzi, tutti molto contenuti (soprattutto se rapportati alla storicità del locale, al rapporto qualità prezzo e soprattutto alla posizione centralissima del bar): una pasta costa anche 1 euro, 1 euro il caffè e 1.60 il cappuccino.

Le migliori pasticcerie a Venezia: Tonolo

A proposito di locali storici, Tonolo è una delle più antiche e rinomate pasticcerie di Venezia. ubicata da sempre in Calle San Pantaleon, in un punto di densissimo passaggio pedonale.
Anche le frittelle carnevalesche di Tonolo sono apprezzatissime da veneziani e turisti, in particolare la venexiane (con uvetta passa) e quelle alle mele oltre, naturalmente, alle classiche strabordanti di crema pasticciera. I krapfen al forno sono invece una delle molte punte di diamante della pasticceria in tutte le stagioni.
Uno dei (pochissimi) punti dolente della Pasticceria Tonolo è il fatto che i clienti sono sempre molto numerosi, quindi si finisce con l’essere sempre piuttosto pigiati all’interno del locale e non ci si può trattenere a lungo per fare spazio agli altri clienti.

Fonte immagine di copertina: Tripadvisor

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 08-02-2017


Nina Ricci, come abbinare la collezione inverno 2016/2017

Robbie Williams, come contattare l’artista sui social (ospite Sanremo 2017)