Nina Ricci, come abbinare la collezione inverno 2016/2017

Sulle passerelle di tutto il mondo è sfilata la nuova collezione invernale 2016/2017 di Nina Ricci, firmata dal designer Guillaume Henry. Femminilità e praticità si sono fuse insieme in un mix perfetto e sorprendente. Ma come fare ad abbinare i capi proposti dalla maison francese? Ecco alcuni consigli.

chiudi

Caricamento Player...

Nero, rosso, viola, rosa, geranio, verde. Questi sono i colori principali che il designer Guillaume Henry, insieme allo staff della maison Nina Ricci, ha pensato per la nuova collezione inverno 2016/2017. Colori tipici della stagione insomma, che giocano con forme rigorose per i cappotti d’ispirazione maschile e contemporaneamente dialogano con abiti fluidi e dai profondi spacchi. Ma come abbinare tutto questo? Qualche consiglio per voi qui di seguito.

Nina Ricci, la collezione invernale e gli abbinamenti migliori

I tessuti della nuova collezione inverno 2016/2017 di Nina Ricci sono molto ricercati: si va infatti dal velluto alla seta, dalla pelliccia ai cristalli. Una donna che decide di acquistare un capo d’abbigliamento simile brillerà di luce propria, emanando eleganza e femminilità intorno a sè. Abbinare vestiti simili non è impresa semplice. Per quanto riguarda gli abiti, come ad esempio quello in cotone con pizzo sulle nuance dell’azzurro, sono facilmente abbinabili con sandali o decolletè in contrasto e con pochette che richiamino o contrastino con il colore della scarpa. Maxi cardigan o maglioni eleganti invece per le gonne, molte delle quali sono sotto il ginocchio come lunghezza.

Questo perché le lunghezze principali su cui gioca questa collezione sono medio-lunghe. Ampio è l’utilizzo anche di cappotti o pea coat sopra gonne o vestiti, con un chiaro richiamo all’abbigliamento maschile o da investigatore. Le bluse possono essere abbinate o con pantaloni morbidi o con ampie gonne con ricami floreali. Le gradazioni di colore più accesse solitamente non vengono accentuate dalla maison Nina Ricci, ma vengono accostate a colori più “caldi” che possano smorzare l’eccentricità.