Idee per un weekend enogastronomico a Potenza ad aprile

Weekend enogastronomico a Potenza, una delle perle della Basilicata

chiudi

Caricamento Player...

Questi ultimi giorni di aprile possono rappresentare un’ottima occasione per visitare Potenza, capoluogo di regione della Basilicata, alla ribalta soprattutto per il ruolo che Matera ha come capitale della Cultura 2019. Tuttavia, perché non dare un’occhiata anche alla bellissima Potenza, ricca di storia, arte e cultura e… perché no anche di ottimi cibi da gustare? Uno dei luoghi sicuramente più apprezzati da visitatori e non per gustare dell’ottimo cibo a Potenza è sicuramente Cibò, situato in Piazza della Costituzione Italiana.

Weekend enogastronomico a Potenza, Cibò: panini e ingredienti genuini

Cibò è un caffè bistrot con corner di vendita, dove le materie prime sono selezionate con una certa cura e seguendo delle precise regole: etica, genuinità e la stagionalità delle produzioni. I proprietari amano definire questo luogo che si è ritagliato una scena di tutto rispetto nella vita gastronomica di Potenza parlando di una dispensa familiare e per le occasioni “peccaminose del gusto”. Non solo piatti e aperitivi, ma anche una vasta scelta di panini farciti con ingredienti diversi come olive nere infornate di Ferrandina, formaggi stagionati e morbidi, melanzane rosse di Rotonda ai salumi, buono come quello di suino nero lucano, la cicoriella di campo, il burro della Normandia, le alici del Cantabrico.

Weekend enogastronomico a Potenza, piatti tipici lucani

Tra i piatti tipici che potrete gustare a Potenza e dintorni e che rappresentano pietre miliari della cucina della Basilicata abbiamo: frittelle di riso, cavatelli e cime di rape, baccalà crudo, fusilli alla salsiccia. Per quanto riguarda i dolci, abbiamo i Mostaccioli che sono un tipico dolce locale a base di mandorle, cioccolato fondente, farina, zucchero, cannella, chiodi di garofano, strutto, olio di oliva, caffè. Insomma, nella vostra gita a Potenza ne avrete di cose da vedere e cose da gustare.

FOTO COPERTINA: WIKIPEDIA