Idee per un weekend enogastronomico ad Aosta ad Aprile

Per godere al meglio dei piaceri del palato del territorio valdostano vi consigliamo di partire da Aosta e visitare l’alta valle del Lys e la Valdigne. Il mese di aprile è ideale per un itinerario enogastronomico in queste vallate

chiudi

Caricamento Player...

La cucina del popolo Walser

Un itinerario di 34 km della durata di una giornata, alla scoperta della cucina rustica della montagna. Si parte dalla comunità montana “Walser – Alta valle del Lys”, a Issime, dove si possono gustare la Toma di Gressoney, formaggio semigrasso da tavola, la fontina e al Fromadzo, fiore all’occhiello della produzione casearia valdostana e la Fesillsüppu, corroborante zuppa di riso, fagioli borlotti e toma.  Si prosegue a Gressoney-Saint-Jean dove la cucina risente dell’influenza culturale germanica. Oltre alle più tradizionali minestre di pane, patate, riso e porri, si possono gustare gli Chnéfflene, bocconcini di pastella cotti in acqua bollente e conditi con fonduta, panna e speck oppure con cipolla brasata, e gli Chnolle, gnocchetti di farina di mais e di grano cotti in un brodo di carne di maiale e serviti come contorno ai salumi.

In entrambe le vallate si trovano i dolci tradizionali: i Kanistri, cialde sottili e croccanti, gli Chüjini (frittelle); i Chiechene (simili alle bugie di Carnevale), gli Héersiene (cialde a forma di cuore), gli Hòckiené (gonfiotti fritti), i Pòmpernòsslené (rettangoli di pasta sottile aromatizzata con grappa e fritti) e gli Schenkeléné (sottili cialde arrotolate a forma di sigaro).

Vini e sapori del Monte Bianco

La Valdigne, ai piedi del Monte Bianco, è rinomata per i suoi particolari vini prodotti ad alta quota. Il “re” del territorio è il Prié Blanc, unico vitigno autoctono a bacca bianca coltivato tradizionalmente su pergola bassa. Tra i formaggi, la fontina DOP e il Seras. Tra i primi piatti, la polenta di farina gialla la tartiflette, piatto a base di patate, pancetta e Reblochon, la fondue savoyarde, la fondue bourguignonne, la raclette e la crêpe alla valdostana, ossia farcita con prosciutto cotto e fontina. Tra i secondi da non perdere l’aromatica Carbonada: antico piatto tipico delle Alpi occidentali, diffuso anche nel sud-est della Francia, a base di carne bovina salata per 12 giorni e cotta lentamente con aglio e lardo affumicato sotto sale. Tra i dolci il crenchen, un pane dolce zuccherato e i baci di Courmayeur.