Idee per un weekend d’arte a Firenze ad aprile

Se avete un weekend per visitare Firenze nel mese di aprile? Ecco qualche suggerimento per un itinerario nell’arte di questa città

chiudi

Caricamento Player...

Peril vostro weekend d’arte a Firenze ad aprile vi proponiamo non il classico percorso artistico ma una visita a due mostre esclusive visibili per tutto il mese di aprile

Da Kandinski a Pollock. La grande arte del Guggenheim

Palazzo Strozzi ospita un’esposizione che porta a Firenze oltre 100 capolavori dell’arte europea e americana tra gli anni venti e gli anni sessanta del ‘900, i cui rapporti artistici vengono indagati attraverso le figure dei collezionisti Peggy e Solomon Guggenheim.  Opere dei grandi maestri europei come Marcel Duchamp, Max Ernst, Man Ray, Pablo Picasso, Alberto Burri, Emilio Vedova, Jean Dubuffet, Lucio Fontana, affiancano opere dell’arte americana di artisti come Jackson Pollock, Mark Rothko, Willem de Kooning, Alexander Calder, Roy Lichtenstein e Cy Twombly. Dipinti, fotografie, incisioni e sculture arrivano dalla collezione Guggenheim di New York, Venezia e da altri musei internazionali, per offrire uno spaccato di quella stagione dell’arte del ‘900 di cui i collezionisti Guggenheim furono attori decisivi.

Miniatura Umbra del Rinascimento al Museo di San Marco

Una mostra di 23 pezzi tra codici e fogli miniati che testimoniano lo sviluppo della miniatura in Umbria a partire dalla prima metà del ‘400 fino ai primi decenni del ‘500. Le abbazie perugine di Monte Morcino e quella di San Pietro svolsero un ruolo fondamentale nella produzione di miniature. Gli artisti più rappresentativi della miniatura umbra sono decoratori di codici ad uso pubblico e religioso. Tra di loro, al Museo di San Marco, sono presenti opere Giapeco Caporali, Bartolomeo Caporali, Pierantonio di Niccolò da Pozzuolo. I pezzi scelti per la mostra testimoniano la maturazione del linguaggio stilistico umbro, che venne influenzato anche dalla scuola fiorentina, settentrionale e romana. Un rinnovamento del linguaggio, che vide come principali fautori il Perugino e il Pinturicchio.