Nell’autobiografia del regista scopriamo i motivi che hanno portato i fratelli a separarsi definitivamente.

La vita addosso, questo è il nome dell’autobiografia pubblicata quest’anno dal regista Gabriele Muccino, in cui scopriamo per quale motivo si sono definitivamente interrotti i rapporti da anni col fratello minore, l’attore Silvio Muccino. Pare che i due non siano mai andati d’accordo, ma la situazione sembra essere precipitata soprattutto nel 2016, quando Silvio Muccino, ospite al Non è l’Arena di Massimo Giletti, ha dichiarato che il fratello Gabriele nel 2012 aveva avuto una reazione violenta verso l’ex moglie Elena Majoni, rompendole persino un timpano.

Il regista rispose all’accusa con una querela per diffamazione, ma la revocò subito dopo con questa motivazione, come riporta Fanpage: “Mi interessava che un giudice, con tutti i documenti alla mano, lo rinviasse a giudizio. E questo è accaduto. Non mi interessa la sua condanna. Ho chiuso così questa parentesi triste e insensata“.

Da quel momento, soprattutto Silvio ha deciso di chiudere i rapporti con più persone possibili, come racconta Gabriele: “Non ha voluto incontrare più nessuno, né me, la nostra famiglia, Giovanni Veronesi o Carlo Verdone. Ha fatto terra bruciata attorno a sé ed è passato talmente tempo che sto ormai elaborando un lutto. La sua scomparsa ha lacerato il tessuto familiare, a ognuno manca un fratello o figlio. Rimane inspiegabile, farà lui il bilancio della sua vita. In uno degli ultimi due film, ho scritto un personaggio per lui. Ma non ne ha voluto sapere. Ti risponde con gli avvocati e allora basta così“, come riporta sempre Fanpage.

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 09-10-2021


Confessione shock di Bebe Vivio: “Alle paralimpiadi svenivo dopo le gare”

Madonna si pente del suo passato: “Ho detto no a Catwoman e Matrix”