Alla riscoperta di uno degli alimenti più antichi dell’uomo

Comunemente con il termine farro si fa riferimento a tre tipi diversi di piante:

  • piccolo
  •  medio
  •  grande

Si tratta del più antico tipo di frumento coltivato dall’uomo già nel neolitico, ma solo recentemente l’industria agricola ha ricominciato a produrre in maniera massiccia un tipo di pianta che nell’antica Roma aveva un gran valore.

Il primo tipo di farro è quello che richiede uno sforzo maggiore e risultati più scarsi; il terzo,è quello che più si coltiva, sebbene in Italia non trovi le condizioni adatte, la maggior parte lo importiamo da Francia, Europa centrale e orientale.

La caratteristica che unisce i tre tipi è la permanenza, anche dopo la trebbiatura, dell’involucro esterno che viene tolto in fase successiva per l’uso alimentare.  Esiste anche una lavorazione simile a quella fatta sul riso, la perlatura.

La grande diffusione che sta avendo negli ultimi anni, dopo lunghi periodi di dominazione del grano, è dovuta all’agricoltura biologica e allo sfruttamento delle zone marginali, cresce bene, infatti, in terreni poveri e resiste molto bene alle basse temperature.

Farro: caratteristiche nutrizionali

Sono soprattutto le caratteristiche nutrizionali a renderlo un seme molto apprezzato.

La struttura esterna lo rende più forte e meno debole rispetto agli attacchi dei parassiti, riducendo l’uso di elementi chimici nella coltivazione.

Il glutine presente è considerato inferiore e diverso, pur rimanendo un cibo non adatto ai celiaci.

Le calorie della pianta sono più basse degli altri tipi e il pane fatto dai suoi semi risulta aromatico.

Quello di tipo integrale presenta un elevato numero di fibre, in generale è una pianta dall’elevato apporto proteico e vitaminico (vitamina A, B2 e B3)e minerali come fosforo, potassio e magnesio.

In generale è un alimento consigliato per la perdita del peso e per la regolarità intestinale e per una serie di benefici soprattutto legati all’apparato cardiovascolare; ed esistono un’ampia varietà di ricette che offrono alternative per tutti i gusti.


Latte vegetale proteico

Come conservare avocado aperto