Il Dpcm Natale è previsto nelle prossime ore: ecco in quali date dovrebbe scattare il lockdown in tutta l’Italia per evitare assembramenti e cenoni.

Il lockdown a Natale si farà. Resta da capire quando e come. La stretta già annunciata dal governo nel weekend del 12 e 13 dicembre, dopo le immagini degli assembramenti per lo shopping, è ancora in fase di studio. Quel che è certo è che l’Italia sarà resa zona rossa o arancione nei prossimi giorni. Bisogna però trovare un punto d’incontro: anche tra i membri del Comitato Tecnico Scientifico infatti sembrerebbero esserci infatti pareri discordanti sulla strategia da attuare. Ma proviamo a fare chiarezza: ecco le ipotesi sul tavolo del governo secondo quanto riferito dal Corriere della Sera.

Italia zona rossa a Natale: le date

C’è poco equilibrio al tavolo del governo. Stando a quanto riportato dalle principali testate, la riunione sulle nuove misure è stata accesa, e anche tra gli stessi scenziati nonci sarebbe alcun accordo. Tutti sono consapevoli del rischio di assembramenti, ma le soluzioni per evitarli sono molto differenti. Secondo quanto trapela, si potrebbe optare per un lockdown soft nei giorni festivi e prefestivi, ovvero il 24, 25, 26 dicembre, il 31 dicembre e 1° gennaio e anche il 5 e 6 gennaio. Non si esclude però una linea più dura, con l’allargamento della zona arancione o rossa già dal 21 dicembre.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Queste le ipotesi del Corriere della Sera sui provvedimenti in arrivo nelle prossime ore:

zona rossa nei festivi e prefestivi, con chiusura di negozi, risttoranti ed esercizi non essenziali dal 24 al 27 dicembre, dal 31 dicembre al 3 gennaio e il 5 e 6 gennaio;

– zona arancione per tutta la durata del periodo festivo, dal 21 dicembre al 6 gennaio, con zona rossa durante i giorni di festa;

– zona arancione soltanto nelle due settimane del periodo festivo, dal 21 dicembre al 6 gennaio, senza stretta per la zona rossa.

Nuovo dpcm per Natale?

Stando a quanto spiegato dal Sole 24 Ore, dovrebbe intanto arrivare già in queste ore un testo comune per la mobilità tra piccoli comuni. Mobilità che sarà permessa solo per comuni molto piccoli, da massimo 5mila abitanti, e per spostamenti di non oltre i 20 chilometri.

Per quanto riguarda il resto delle misure, potrebbero essere varate tra il 16 il 18 dicembre. Stando a quanto riferito da Repubblica, a breve potrebbe arrivare l’annuncio delle zone rosse nei giorni di Natale, Santo Stefano, Capodanno, Befana e nelle due domeniche del periodo festivo. Ci sarebbe solo un’alternativa: quella della zona rossa dal 24 dicembre al 1° gennaio, che metterebbe fine a un’ipotesi di lockdown leggero. Al di là della soluzione, l’obiettivo è chiarissimo: bloccare pranzi e cene di famiglia.

ultimo aggiornamento: 16-12-2020


Ecco le città italiane dove si vive meglio: la classifica del 2020

Rachele Grimoldi: “Non ho doti particolari, ho solo scelto di non accontentarmi”