Dove si trovano i Siti Unesco vitivinicoli del Piemonte

Langhe, Roero e Monferrato sono aree fondamentali per la storia e la produzione vitivinicola italiana.

chiudi

Caricamento Player...

Il Sito Unesco vitivinicolo del Piemonte si trova nella parte meridionale della regione, tra il fiume Po e l’Appennino Ligure e comprende l’intera gamma di processi tecnici ed economici relativi alla viticoltura e vinificazione che ha caratterizzato questa zona per secoli. L’area protetta dall’Unesco comprende Langhe, Roero e Monferrato.

Langhe, Rero e Monferrato: i Siti Unesco vitivinicoli del Piemonte

Questo patrimonio Unesco è costituito da una selezione di cinque aree vinicole distinte e un castello, i cui nomi evocano lo stretto rapporto tra l’uomo e il suo ambiente. La zona che rientra nel patrimonio Unesco comprende oltre 10.000 ettari.

Meravigliosi panorami di colline coltivate anche secondo antiche procedure che rispettano l’ambiente, permettendo di lasciare spazio visivo su borghi, castelli, chiese romaniche, fattorie, ciabots, cantine e magazzini per l’invecchiamento e la distribuzione commerciale del vino. In queste zone si producono vini di eccellenza come il Barolo, il Barbaresco, l’Asti Spumante e il Barbera d’Asti.

Nella Langa del Barolo, a sud del Piemonte, si produce il Barolo, uno dei migliori vini del mondo. Altre zone celebri per il vino e per i bellissimi scenari sono quelle del Barbaresco e di Grinzane Cavour. Anche Canelli è un territorio patrimonio dell’Unesco. Nei suoi vitigni si produce lo spumante Asti, uno dei vini italiani più esportati. Nizza Monferrato è invece la zona in cui si produce il Barbera e in cui si trovano molte testimonianze della cultura del vino, come il Museo Bersano. Anche la zona dell’Infernot, quella del Basso Monferrato, è considerata sito Unesco. Qui si trovano molte vecchie cantine, gli “infernot”, scavate in una roccia simile al tufo.

Per l’Unesco i paesaggi dei vigneti del Piemonte sono un’eccezionale testimonianza di vita dedicata al vino e alle sue tradizioni. Essi, infatti, testimoniano un insieme di tradizioni secolari che, negli anni, sono state tramandate e affiancate a moderne competenze in grado di rendere questo territorio unico al mondo.

Fonte foto copertina: www.unesco.it