Dove si trova il sito Unesco di Pisa: la Piazza del Duomo

La Piazza del Duomo di Pisa ospita un gruppo di monumenti noti in tutto il mondo.

chiudi

Caricamento Player...

In Piazza del Duomo si trovano quattro capolavori di architettura medievale: la Cattedrale, il Battistero, il Campanile (la ‘Torre Pendente’) e il cimitero. Essi hanno avuto una grande influenza su arte monumentale in Italia dal l’XI e il XIV secolo.

La Piazza del Duomo di Pisa

La città toscana di Pisa è celebre in tutto il mondo proprio per la sua monumentale Piazza del Duomo che fa parte, dal 1987, dei siti italiani dichiarati patrimonio dell’Unesco. Questo complesso è una delle mete turistiche più gettonate della Toscana, i cui capolavori architettonici presenti vennero definiti da Gabriele d’Annunzio come “miracoli”. Il complesso venne scelto proprio per la sua centralità come luogo di costruzione del Duomo, edificato nel 1064 per celebrare la grandezza di Pisa, all’epoca una delle più potenti Repubbliche Marinare.

Il Duomo è composto da cinque navate col transetto a tre, sormontate da una cupola circondata da un loggiato. In facciata e lungo i fianchi sono presenti decorazione in marmo e bronzo e mosaici. Le influenze arabe sono evidenti in alcuni rivestimenti e nell’organizzazione degli spazi interni che ricordano quelli delle moschee. Il Battistero, in stile romanico, è di forma cilindrica, di marmo bianco e circondato da arcate su colonne. Il suo interno è caratterizzato da un’eccezionale acustica. Il Camposanto, cimitero monumentale, è circondato da una cinta di mura e rappresenta un luogo di preghiera e riflessione costruito per conservare la “terra santa” della Palestina.

Ma il vero simbolo della Piazza dei Miracoli è la Torre Pendente. La struttura è inclinata a causa di un cedimento nel terreno, che rese difficile la costruzione stessa. La Torre è formata da una struttura cilindrica ad arcate cieche. Al suo interno è presente una scala con 294 gradini che permette di salire fino alla cima e poter così ammirare da vicino la cella campanaria.

Fonte foto copertina: www.unesco.it