Dieta del guerriero, alimenti da evitare

La dieta del guerriero è un regime alimentare a digiuno intermittente che piace molto ad alcuni sportivi, bodybuilder in particolare. Si tratta di una dieta che prevede due fasi: una di digiuno, durante il giorno, e una di sovralimentazione, nelle ore serali/notturne. Scopriamo insieme quali sono secondo questo regime gli alimenti da evitare.

chiudi

Caricamento Player...

Ori Hofmekler, esperto di fitness e nutrizione, ha scritto il libro “The Warrior Diet”: è dunque lui il padre della dieta del digiuno, realizzata pensando alla dieta che seguivano i nostri antichi antenati, a partire dall’uomo primitivo. Vediamo insieme quali cibi sono assolutamente da evitare secondo questo regime.

Dieta del guerriero, ecco cosa bisogna evitare

Nella fase di digiuno, che comprende le 18/20 ore diurne in cui si è impegnati nel lavoro o nello studio, Ori Hofmekler concede l’introduzione di piccoli e semplici spuntini spezzafame, leggeri e perlopiù di origine vegetale, uniti all’assunzione di una buona quantità di acqua. Sono quindi banditi alimenti che impegnino troppo il nostro organismo facendo spostare l’afflusso di sangue dai muscoli all’intestino, così come cibi che vadano ad “inquinare” il nostro organismo che si sta in questa fase depurando.

La seconda fase, quella pomeridiana/serale di sovralimentazione, dura dalle 4 alle 6 ore. Anche in questo momento della giornata è sempre sconsigliata l’assunzione di zuccheri semplici, polialcoli, prodotti raffinati, OGM e vitamine sintetiche attenendosi come base nutrizionale, in via generale, alle linee guida della Paleodieta. In questa fase bisogna raggiungere la sazietà, che verrà avvertita quando arriverà lo stimolo della sete. Hofmekler in aggiunta consiglia comunque alcune “best practices” nella scelta degli alimenti, tra cui il consumo di cibi biologici, evitare i cibi raffinati e confezionati, alternare giorni in cui si assumono molti grassi e giorni in cui si assumono molti carboidrati, minimizzare il consumo di alcol. In ogni caso ad una simile dieta è sempre bene abbinare una adeguata attività fisica, come l’autore stesso consiglia.