Yoga red velvet: cos’è?

Madonna stupisce ancora.

chiudi

Caricamento Player...

Cos’è lo yoga red velvet? L’ultima – geniale – idea di Madonna. Non contenta di aver dettato un numero infinito di tendenze musicali e di costume negli ultimi trent’anni, la rock star ha riversato la sua carica dal palcoscenico alla palestra, inventando una disciplina yoga che assomiglia tantissimo ad una pratica circense.

Unione di diverse discipline, ecco cos’è lo yoga red velvet

Per stabilire cos’è lo Yoga Red Velvet è indispensabile scomporlo e comprendere da quali discipline prende i suoi elementi principali.  La ginnastica calistenica è sicuramente un pilastro del Red Velvet: si tratta di una disciplina ginnica a corpo libero che migliora la coordinazione, il tono muscolare e la grazia dei movimenti. Complementari ad essa sono la ginnastica artistica e il pilates, da cui il Red Velvet prende la particolare attenzione allo sviluppo armonico della muscolatura.
Lo yoga è invece il solco lungo cui il Red Velvet si muove permettendo a chi lo pratica di raggiungere benessere spirituale, armonia di movimenti, flessibilità ed equilibrio. L’atmosfera rilassante, le luci soffuse e spesso un accompagnamento musicale adeguato sono inoltre elementi imprescindibili delle lezioni di Red Velvet come lo sono per lo yoga inteso in senso classico e per l’antigravity yoga, praticato in Italia già dal 2009.

L’ispirazione circense

Il velluto rosso da cui questa disciplina sportiva prende il nome fa riferimento ai lunghi drappi rossi, che sono in realtà di seta o lycra elastico, che vengono utilizzati durante le lezioni. Questi trapezi, o amache, sono fissati al soffitto tramite ganci e sostengono il peso delle atlete e le loro acrobazie. L’immagine è altamente suggestiva e probabilmente da questo deriva il fascino del Red Velvet che, per qualche ora la settimana, ci farà sognare di essere tra le più grandi artiste e trapeziste del Cirque du Soleil, famoso per le acrobazie a moltissimi metri d’altezza che le sue circensi eseguono per centinaia di spettatori incantati.