Cos’è lo Hasyayoga

Cos’è lo Hasyayoga, il nuovo metodo per ritrovare il buon umore con la risata

chiudi

Caricamento Player...

Lo Hasyayoga è il cosiddetto yoga della risata che fa uso della risata autoindotta. Nasce da un’idea del medico indiano di Mumbay, Madan Kataria che diede origine al primo Club della risata in un parco pubblico nel marzo 1995 con un gruppo ristretto di membri. Kataria ha successivamente illustrato in dettaglio questa pratica nel suo libro Ridere senza motivo. Dopo il grande successo ad oggi si riscontrano oltre seimila club in 72 paesi circa. Scopriamo cos’è lo hasyayoga.

Le origine dello yoga della risata, ecco cos’è lo hasyayoga

Il dottore Kataria ha deciso di chiamare lo hastayoga in questo modo poiché lo yoga della risata implica un esercizio che si chiama Pranayama, ovvero l’antica tecnica di respirazione che ha un effetto immediato e potente su corpo, mente ed emozioni. Bisogna ricordare che secondo la filosofia yoga noi viviamo perché l’energia cosmica dell’universo scorre nel nostro corpo attraverso il respiro o Prana. A causa di stress ed emozioni negative il nostro respiro, considerato quindi essenza della vita, diventa irregolare influenzando negativamente il Prana.

In cosa consiste la pratica dello yoga della risata

Lo hasyayoga è una disciplina che si sviluppa in gruppo, e nasce dalla combinazione di contatto visivo, giocosità tipica dell’infanzia ed esercizi appositamente studiati per stimolare il gioco.

Le sezioni di yoga della risata iniziano con semplici esercizi di riscaldamento che comprendono lo stretching, vocalizzazioni, battito delle mani e movimenti del corpo. Questa prima fase serve a disinibirsi e a sviluppare sentimenti di giocosità, gli esercizi di respirazione invece, servano per preparare i polmoni alla risata. Una seconda fase della sessione prevede degli esercizi mirati a indurre la risata, che combinano elementi di teatro con la giocosità. Infine, una sessione di hasyayoga può terminare con la cosiddetta “Meditazione della Risata”, dove i partecipanti sono seduti o sdraiati e lasciano che la risata naturale scorra dall’interno verso l’esterno.

Fonte immagine copertina: Twitter