A cosa servono le erbe adattogene?

Per una rapida ripresa dell’organismo durante i periodi di stress

chiudi

Caricamento Player...

A cosa servono le erbe adattogene? A riattivare l’organismo a livello fisico e psichico in maniera che si adatti più facilmente a condizioni di stress senza soffrirne.

A cosa servono le erbe adattogene?

Le erbe adattogene vengono chiamate in questo modo in virtù della loro capacità di fornire all’organismo l’energia e la vitalità necessarie ad affrontare periodi particolarmente duri dal punto di vista mentale e fisico. Rientrano a pieno titolo nei rimedi olistici finalizzati cioè non alla cura del singolo sintomo ma al riequilibrio dello stato di salute generale dell’organismo.
Lo stress è causa di diversi sintomi più o meno gravi che se non adeguatamente trattati possono condurre a stati di prostrazione mentale e fisica da cui può essere difficile venir fuori. Insonnia, ansia, disturbi alimentari, astenia, malesseri diffusi, irritabilità derivati da periodi stressanti a cui non si riesce a far fronte possono infatti portare nei casi peggiori a stadi di depressione di varia gravità.

Le erbe adattogene più utilizzate

Tra le erbe adattogene più famose e utilizzate contiamo il ginseng e l’eleuterococco: il primo è un potente tonico naturale che migliora l’energia generale dell’organismo e – tra le altre cose – l’attività sessuale, il secondo è un potente supporto per il sistema immunitario, soprattutto durante i cambi di stagione che ci espongono ad allergeni e attacchi virali.
Il guaranà è di origine sudamericana e risulta un ottimo stimolante psicofisico, grazie alla presenza di caffeina che svolgendo la sua azione sul sistema nervoso centrale migliora la concentrazione. Essendo un attivatore del metabolismo, il guaranà è un buon dimagrante naturale.
La rhodiola viene utilizzata per mitigare la sensazione di spossatezza che accompagna i periodi di stress e di esaurimento. Contrariamente al guaranà è un calmante in grado di contrastare gli stati d’ansia e di nervosismo stimolando la produzione di serotonina e ristabilendo un senso di benessere generale strettamente necessario per uscire dai periodi di stress. Combatte l’insonnia, migliora la capacità mnemonica e in presenza di disturbi dell’alimentazione è in grado di contrastare la fame nervosa.