Come fare il decluttering dei vestiti?

Liberarsi di tutto ciò che non indossiamo

chiudi

Caricamento Player...

Come fare il decluttering dei vestiti? Liberarsi degli abiti che non indossiamo per far spazio a quelli da comprare!

Perché gli armadi delle donne sono sempre pieni?

I cliché vogliono che le donne siano accumulatrici seriali di vestiti. Nella maggior parte dei casi è vero, ed è il momento di chiedersi perché.
Nell’armadio di ognuna di noi sono custoditi gelosamente abiti vecchissimi che non mettiamo più, gli abiti “del perché non si sa mai”, abiti di quando eravamo magre (perché torneremo ad esserlo, forse, un giorno) e abiti di quando eravamo grasse (per ricordarci di non esserlo mai più), abiti di quando eravamo giovani (ma li mettevamo davvero?!).

Teniamo questi abiti perché in qualche modo facciamo fatica a disfarci del nostro passato e a volte è difficile focalizzare il fatto che non abbiamo bisogno di tutti quei vestiti.
Procedere al decluttering degli abiti quindi ci permetterà a livello emotivo di scendere a patti con il passato e dedicarci con più lucidità al futuro a cui andremo incontro.

Come fare il decluttering dei vestiti

E’ bene innanzitutto focalizzare l’obiettivo: fare spazio nell’armadio liberandoci degli abiti che non indossiamo o che indossiamo raramente.
Gli abiti troppo vecchi ma che mettiamo ancora perché sono dei pezzi basic andranno buttati quando li avremo sostituiti acquistando capi simili. Andranno quindi messi da parte facendo un appunto mentale su quello che dobbiamo ricomprare.
Gli abiti troppo piccoli vanno assolutamente eliminati con un po’ di oggettività. Crediamo davvero di tornare ad essere una taglia 40 se da cinque anni entriamo solo in una 44? La risposta sarà quasi certamente no, quindi non c’è motivo di tenere abiti così piccoli che aumentano la frustrazione e diminuiscono lo spazio nell’armadio.
Gli abiti troppo grandi andranno eliminati per il motivo opposto. Se siamo dimagrite faremo di tutto per non tornare a dover indossare abiti della taglia che abbiamo abbandonato, quindi buttiamoli.
Gli abiti di quando eravamo giovani possono essere tenuti a patto che siano estremamente significativi e soprattutto in numero molto limitato. La maglietta del primo concerto con papà non dovrebbe mai vedere la pattumiera. I pantaloni di velluto verde acido sì.
Gli abiti che non mettiamo da mesi (o anni) vanno a occhi chiusi negli scatoloni destinati ai regali o al riciclo. Sono la zavorra inutile con cui ci siamo appesantite senza rendercene conto e che hanno rubato spazio a tutto ciò che è nuovo: nel nostro armadio e nella nostra percezione di noi stesse.