Coltivare la quinoa nel vaso in pochi e semplici step. Bastano un vaso, pochi semi e del terreno fertile per un risultato ottimale.

Tra i migliori metodi di coltivazione della quinoa vi è senza dubbio la scelta dell’orto. Tuttavia, se decidete di sperimentare la coltivazione in vaso dovete tenere ben presente la questa potrà avere un scopo meramente ricreativo ma non alimentare in quanto in un vaso potranno crescere solo un paio di piante e da questi non si potranno ricavare molti semi. Vediamo come coltivare la quinoa nel vaso del nostro piccolo giardino botanico.

Per coltivare la quinoa nel vaso bastano poche mosse e un po’ di pazienza.

Se decidete dunque di coltivare la quinoa nel vaso di casa vostra procuratevi dei vasi rettagolari di grandi dimensione. Quello che vi servirà saranno anche dei semi, ne basteranno pochi, il necessario per far crescere due o tre piantine massimo per vaso. Procuratevi anche dei rimedi naturali contro gli afidi per proteggere le piante, soprattutto se lascerete il vaso in terrazza. Mettete i semi all’interno di un vaso e assicuratevi che il terreno sia fertile e ben drenato. Dopo di che poggiate i semi di quinoa e ricopriteli con altro terreno. Bagnate quando il terriccio sarà asciutto e aspettate circa 4 -5 giorni per la germogliazione. È importante che la pianta sia esposta al sole poiché essendo originaria delle terre peruviane e boliviane, ha bisogna di molta luce. Le condizioni ottimali per la semina sono quando il terreno ha una temperatura compresa tra 7°-10°C fino a un massimo di 18-20°C e una buona umidità per facilitare la germinazione dei semi. Attenzione dunque ad assicurarvi che la temperatura del terreno non sia troppo elevata, altrimenti i semi di quinoa non possono germogliare. Il periodo ottimale è dunque compreso tra aprile e maggio. La fase successiva, ovvero quella della raccolta, è consigliabile farla al mattino presto per  per ridurre al minimo le perdite dei semi che  si  avrebbero  con le piante  completamente asciutte.

 

Fonte immagine copertina: Instagram


Le alternative allo zenzero

Le proprietà della cannella