Attraverso i quartieri storici e l’Acropoli per toccare con mano una storia lunga millenni

Cinque cose da vedere ad Atene? Sono certamente troppo poche per apprezzare fino in fondo la bellezza e l’importanza storica della culla della cultura europea e occidentale, tuttavia si può scegliere di visitare luoghi che forse meglio di altri ci aiuteranno a carpire lo spirito Ateniese.

Il quartiere Plaka, dove il tempo si è sovrapposto al tempo

Nessun altro quartiere più del quartiere Plaka è in grado di rendere testimonianza dell’antichità dell’insediamento urbano di Atene. Questa parte della città ospita gli uni accanto agli altri monumenti e reperti storici di epoche remote e recenti, di dominazioni e religioni differenti. Fin dalla fondazione di Plaka l’impianto urbanistico è rimasto inalterato, arricchendosi nel corso dei secoli con edifici e monumenti che si sono integrati a quelli preesistenti. Si potranno ammirare monumenti neoclassici, ottomani, bizantini, chiese e moschee e belle case ottocentesche.
Da Plaka si può raggiungere a piedi un altro quartiere estremamente pittoresco, alle pendici dell’Acropoli: Anafiotika. Prende il nome dagli abitanti di Anafi che, trasferitisi qui per lavorare alla costruzione di un palazzo reale, decisero di costruire un insediamento che ricordasse il più possibile l’atmosfera della loro terra di provenienza. E’ per questo motivo che ai piedi dell’Acropoli ancora oggi sembra di essere in un’isola delle Cicladi, con le case bianche dalle porte azzurre e le stradine serpeggianti lungo le quali le automobili non riescono a passare.

Cinque cose da vedere ad Atene: i monumenti dell’Acropoli

Il Partenone è certamente il monumento più famoso di Atene e forse dell’intera arte greca. Sorge ancora sulla cima dell’Acropoli, dominando l’intera città e definendone il profilo. Tra le sue colonne si respira ancora la maestà e la grandezza dell’età d’oro in cui Pericle dominava la Grecia. Il Partenone non è l’unico tesoro dell’Acropoli ateniese: famosissimo è anche l’Eretteo, tempio dedicato alle divinità arcaiche e in seguito ad Atena, sul cui lato occidentale sporge la loggetta delle cariatidi ritratta in ogni libro di storia.
Il teatro di Dioniso è il più importante teatro stabile dell’antichità. Qui misero in scena le loro opere tutti i drammaturghi più famosi dell’epoca classica e di quelle seguenti. Il teatro, con i suoi gradoni di pietra, è ancora ben conservato e mantiene l’ottima acustica che permetteva agli spettatori di godere degli spettacoli teatrali senza i moderni impianti di amplificazione elettrica.


Truccarsi a 40 anni per un Battesimo

Idee per un week end ad Atene