Cinque cose da vedere ad Amsterdam

Musei celebri e nascosti della Venezia del Nord

chiudi

Caricamento Player...

Cinque cose da vedere ad Amsterdam per attraversare l’intera storia dell’arte europea, da quella celebrativa a quella erotica e rimanere, in ogni caso, senza parole.

Passato, presente e soprattutto futuro dell’arte olandese

Amsterdam ospita alcuni dei più rilevanti musei d’Europa. Il Rijksmuseum accoglie una delle più ampie collezioni di opere pittoriche europee. Realizzato sul finire dell’Ottocento per volere di Luigi Bonaparte, fratello del grande Napoleone, il grandioso edificio è decorato sulla facciata con fregi che ripercorrono la storia dell’arte olandese e accoglie nella parte posteriore statue che raffigurano i principali artisti d’Olanda. Ospita tra gli altri capolavori di Vermeer e Rembrandt. Di quest’ultimo è possibile ammirare “la Ronda di Notte”, quadro che mise fine alla grandiosa carriera del pittore. Il museo è stato costantemente ampliato nel tempo per ospitare un numero di opere sempre crescente, ma  infine si rese necessario trasferire le opere degli artisti in vita allo Stedelijk Museum, museo d’arte contemporanea degno del paragone con il Moma di New York. Ospita opere di Matisse, Picasso, Mondrian, Chagall. La collezione non comprende solo dipinti ma ospita pezzi emblematici che rappresentano e indirizzano lo sviluppo attuale di tutte le discipline artistiche.

Cinque cose da vedere ad Amsterdam: i canali, il quartiere erotico, il museo dell’eros

I canali di Amsterdam sono stati dichiarati patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Costituiscono tutt’ora la vera anima della città, che vede la vita dei propri abitanti brulicare incessantemente lungo le rive. Nella zone dei canali c’è anche il celeberrimo quartiere a luci rosse: il Wallen che di giorno appare come un normalissimo quartiere commerciale che ospita bar, caffè, uffici e negozi, ma di notte si illumina con le accattivanti luci rosse che lo hanno reso celebre. All’interno del Wallen si trova anche il Museo del Sesso che raccoglie testimonianze d’arte erotica dai quattro angoli del globo. Sicuramente un museo che non dimenticherete facilmente!