Walter Zenga è stato uno dei più forti portieri italiani della storia, appesi i guantoni al chiodo ha iniziato a girare il mondo da allenatore.

Quando si pensa ai più forti portieri italiani della storia del calcio, oltre a Dino Zoff e a Gianluigi Buffon, non può non venire in mente Walter Zenga. Per tre volte, nel 1989, nel 1990 e nel 1991 ha ricevuto anche il premio per il Portiere dell’anno dell’IFFHS che viene assegnato al miglior estremo difensore al mondo. Dopo aver appeso scarpette – nel suo caso anche i guantoni – al chiodo, ha iniziato la carriera da allenatore ma, tra un’esperienza in panchina e l’altra, anche da opinionista televisivo.

Walter Zenga: la carriera

Walter Zenga è nato a Milano il 28 aprile del 1960 (il suo segno zodiacale è quindi il Toro) e sin dall’età di 11 anni ha iniziato a indossare la maglia dell’Inter. Dopo aver fatto tutta la trafila nel settore giovanile, ha dovuto però aspettare qualche anno e fare un po’ di gavetta tra serie C e serie B prima prima di poter entrare a San Siro.

Walter Zenga
Walter Zenga

La sua gavetta è stata tra la Salernitana, il Savona e la Sambenedettese. Nel 1982 il ritorno all’Inter: un anno da vice di Ivano Bordon, poi undici stagioni con il numero 1 stampato sulla schiena in cui ha anche vinto uno scudetto (nel 1989), una Supercoppa Italiana e due Coppe UEFA.

Nel 1994 il passaggio alla Sampdoria, due anni dopo quello al Padova e infine quello in America, dove ha giocato dal 1997 al 1999 con la maglia dei New England Revolution. All’età di 39 anni, dopo aver collezionato anche 58 presenze in Nazionale e il bronzo al Mondiale di Italia ’90, ha dato l’addio al calcio per iniziare la carriera da allenatore.

Walter Zenga da tecnico ha girato il mondo: ha iniziato proprio negli Stati Uniti con i New England Revolution, poi si è trasferito in Romania (National Bucarest prima, Steaua e Dinamo Bucarest poi), in Serbia dove ha guidato la Stella Rossa, in Turchia al Gaziantesport, in Arabia Saudita all’Al-Nassr, negli Emirati Arabi Uniti (Al-Nasr, Al-Jazira e Al-Shaab), in Inghilterra al Wolverhampton.

Ma tra un’esperienza all’estero e l’altra ha anche allenato varie squadre italiane, dal Catania al Palermo, fino alla Sampdoria, il Crotone, il Venezia e il Cagliari.

Walter Zenga: la vita privata

Oltre che conquistare il cuore dei tifosi con le sue parate, Walter Zenga è riuscito a conquistare anche quello di molte donne, basti pensare che si è sposato tre volte.

La prima con Elvira Carfagna, con la quale ha avuto anche un figlio, Jacopo Zenga. Il secondo matrimonio è stato invece con l’ex conduttrice tv Roberta Termali: da questa unione sono nati Nicolò e Andrea. Dopo la fine della storia con Roberta Termali è stato per qualche tempo il compagno di Hoara Borselli.

Il terzo e ultimo matrimonio è stato con Raluca Rebedea, da cui sono nati Samira e il suo quinto figlio, Walter Jr.

Chi è la moglie di Walter Zenga

Come detto in precedenza, nella sua carriera da allenatore Walter Zenga ha girato spesso il mondo. Proprio durante un volo tra l’Italia e la Romania, quando guidava la National Bucarest, ha conosciuto quella che è poi diventata la sua terza moglie: Raluca Rebedea.

Travel blogger, classe 1981 è di 21 anni più giovane dell’ex portiere. La storia tra i due è iniziata nel 2003, sei anni dopo è nata la loro prima figlia Samira e nel 2012 Walter Jr..

Walter Zenga: dove vive

La carriera di uno sportivo porta a soventi traslochi, è così che anche Walter Zenga negli anni ha spesso cambiato abitazione e anche nazione, in base alla squadra con cui si legava.

Con la moglie Raluca Rebedea ha però stabilito una sorta di base a Dubai, città dove ha allenato dal 2011 al 2013 l’Al-Nasr e in cui i suoi figli vanno anche a scuola.

Walter Zenga: le 7 curiosità

– E’ stato eletto per tre volte consecutive, dal 1989 al 1991, miglior portiere del mondo.

– E’ soprannominato Uomo Ragno. Un nomignolo che in realtà ha dal 1994, in precedenza il giornalista Gianni Brera lo aveva ribattezzato “Deltaplano”.

– Nel 2000 è stato uno dei postini della trasmissione C’è posta per te di Maria De Filippi.

– Nel 2008, quando allenava il Catania, è stato protagonista di una lite in diretta TV nel corso della trasmissione Stadio Sprint, diventata poi molto celebre, con il giornalista Enrico Varriale.

– Sogna di poter un giorno allenare la “sua” Inter.

-Attivo sui social attraverso il profilo Instagram.

– Nel corso della sua carriera ha percepito stipendi molto diversi in base alla squadra che ha allenato, al Palermo, ad esempio, aveva un ingaggio di 800.000 euro a stagione, al Crotone di 400.000.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 07-10-2020


Filippo Laganà, il giovane attore… che aveva una passione per la cucina

Raluca Rebedea: ecco chi è la (terza) moglie di Walter Zenga