La calamite sul frigo fanno male? La risposta degli esperti

Le calamite sul frigo sono pericolose? Ecco tutta la verità!

Le calamite sono il souvenir più acquistato del 21esimo secolo, ma secondo alcuni possono provocare il cancro. Ecco tutto quello che dovresti sapere, senza farti ingannare dalle fake news.

Chi non ha delle calamite a casa acquistate durante un viaggio all’estero o ricevute in regalo da qualche amico? State tranquilli perché a differenza di quanto si è diffuso nel web negli ultimi anni, con fake news che trovavano una correlazione tra il souvenir e il cancro, l’unico danno che possono causare le calamite è all’elettrodomestico a cui sono attaccate.

Le calamite sul frigo: i danni agli elettrodomestici

Come hanno più volte ribadito gli esperti, le calamite sul frigo non apportano alcun tipo di problema fisico all’organismo, ma piuttosto possono rovinare l’elettrodomestico a cui sono attaccate, generalmente il frigo.

Alcuni studi, infatti, hanno constatato che il campo magnetico generato dalle calamite può rovinare soprattutto i nuovi frigoriferi, quelli di ultima generazione, specie se dotati di schermo touch screen o dell’accessorio che prepara il ghiaccio.

Calamite
Calamite

Dall’altra parte, invece, non c’è da preoccuparsi per il cibo contenuto all’interno perché non è in alcun modo esposto ai campi magnetici.

Le calamite sul frigo causano il cancro: la fake news è virale

Negli ultimi anni si è diffusa a macchia d’olio una bufala che ha fatto il giro del mondo in breve tempo: secondo una ricerca attribuita all’università di Princeton, le calamite da frigo sarebbero state nocive per la salute al punto di poter addirittura causare il cancro.

Per mettere fine sul nascere a questa fake news, Issalute.it – l’Istituto Superiore di Sanità Italiano – ha deciso di mettere un punto su questa menzogna e dichiarare in maniera definitiva che non ci sono prove scientifiche fondate.

Secondo gli esperti, infatti, l’esposizione ai campi magnetici creati dalle calamite non è in alcun modo responsabile del surriscaldamento dei tessuti e del conseguente aumento della probabilità di contrarre il cancro, a differenza, invece, di quanto potrebbe fare il fumo della sigaretta.

ultimo aggiornamento: 10-11-2019

X