Da poco impegnato con Ballando con le Stelle, il cantante si mostra risoluto e motivato e spiega perché in passato non è stato capito.

Sembra che si parli di un nuovo inizio per Morgan: nell’ultimo periodo, infatti, l’artista era stato fortemente chiacchierato per via di alcuni episodi discutibili, prima fra tutti, la sua partecipazione a Sanremo 2020 con Bugo, terminata con l’abbandono del palco di quest’ultimo per via di alcune vicissitudini trai due.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Nonostante l’accaduto, Morgan non si è dato per vinto, infatti, ha scelto di accettare l’invito della frizzante Milly Carlucci nel suo storico format Ballando con le Stelle: l’artista, dunque, si cimenterà come ballerino nel corso delle puntate e il suo positivo cambio di atteggiamento non è affatto passato inosservato ai telespettatori. Morgan, infatti, sembra impegnarsi tanto e ha anche portato a casa ottimi risultati nel corso delle serate già andate in onda.

In un’intervista a Chi, il cantante si è molto lasciato andare circa il suo passato, ma anche sul suo presente. L’artista, infatti, ha parlato del perchè, probabilmente, non è stato compreso in passato dal pubblico: “Sono stato considerato “maledetto” solo perchè non è stato capito il mio linguaggio artistico” ha affermato ai microfoni di Chi, aggiungendo poi che, al momento di prendere un impegno, lo onora sempre. Sarà forse il caso di Ballando con le Stelle?

E’ tempo di darmi fiducia” ha ammesso Morgan mostrandosi estremamente determinato nel portare avanti questa nuova esperienza sul piccolo schermo. Infine, parla anche del suo ex collega Bugo: “Rifarei il duetto con lui” ha ammesso a sorpresa, dimostrando anche di non portare rancore per le vicende passate.

Che ne pensate? Avete fiducia nelle sue parole?

Riproduzione riservata © 2021 - DG
Ballando con le stelle

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 31-10-2021

Cecilia e Ignazio festeggiano l’anniversario ad Amsterdam: i teneri scatti

Amanda Knox: “Contenta di non dover più fingere di non essere mamma”