Dove acquistare le barbabietole

Riconoscere le barbabietole fresche e quelle confezionate correttamente

chiudi

Caricamento Player...

Dove acquistare le barbabietole? I più fortunati potranno rivolgersi ad un ortolano di fiducia, chi invece può contare soltanto sulla grande distribuzione dovrà fare attenzione a certi parametri.

I diversi tipi di barbabietola

La barbabietola è una pianta erbacea con radici simili a tuberi. Della variante rossa si consumano principalmente le radici e poco le foglie. I frutti, costituiti da noci molto dure, non sono commestibili.
Della variante bianca al contrario si consumano soprattutto le lunghe foglie costolate, conosciute con il nome di bietola.

Le barbabietole sono conosciute fin dall’antichità, a partire dal 1800 sono state coltivate diffusamente in tutta Europa per ricavare dalla loro lavorazione lo zucchero che in precedenza si otteneva soltanto dalle canne.
La più diffusa in Italia e riconosciuta come qualità storica, quindi non alterata da manipolazioni artificiali, è la varietà chiamata Chioggia. La sua caratteristica principale è l’alternanza di anelli concentrici bianchi e rossi che, quando affettata, la rendono di grande impatto estetico nella preparazione di molti piatti freddi.
La barbabietola bianca è chiamata comunemente bieta e se ne mangiano le lunghe foglie costolate. Della varietà rossa si mangiano invece le radici che, se acquistate fresche, devono essere di un rosso intenso e presentare una consistenza soda, senza punti più scuri e più molli che indichino l’inizio della marcescenza.

Dove acquistare le barbabietole

Le barbabietole in quanto tuberi crescono completamente sotto terra, assorbendo e concentrando al proprio interno moltissime sostanze che assorbono direttamente dal terreno. Per questo motivo sarebbe ottimale acquistare prodotti coltivati senza l’ausilio di pesticidi chimici, derivati quindi da agricolture biologiche.
Le barbabietole precotte vengono vendute prive di condimento in confezioni sottovuoto di plastica trasparente oppure in barattoli di latta. In quest’ultimo caso vengono utilizzati comunemente come conservanti il succo di limone e l’aceto.
La presenza di liquido rosso all’interno delle confezioni in plastica è perfettamente normale e non indica che la barbabietola confezionata sia andata a male.