Firenze: 5 mostre da vedere a Gennaio

Da Wikelmann a Klimt, tutta l’arte passa per Firenze

chiudi

Caricamento Player...

Firenze: 5 mostre da vedere a Gennaio possono accontentare davvero tutti i gusti artistici, con una serie di esperienze coinvolgenti e inusuali.

Archeologia etrusca, arte e ritrattistica rinascimentale

Fino al 15 Gennaio sarà possibile visitare presso Villa la Quiete un percorso espositivo che comprende capolavori di Botticelli (L’Incoronazione della Vergine) e del Ghirlandaio (Sposalizio mistico di Santa Caterina). Durante la prossima primavera Villa la Quiete ospiterà anche la ricostruzione delle stanze di Anna Maria Luisa de Medici, ultima padrona della Villa, nella quale confluirono opere provenienti dal vicino Convento di San Iacopo di Ripoli dopo che questo fu convertito in caserma a seguito dell’Unità d’Italia.

Ancora fino al 15 Gennaio sarà possibile visitare la mostra Visioni Cubane presso la galleria Frascione Arte. La mostra è ad ingresso gratuito e propone le opere dell’artista cubana Maggie Genova-Cordovì, che riproduce attraverso materiali inusuali la ritrattistica femminile del rinascimento italiano. Il caffè è sempre presente nelle opere di questa artista nostalgica, che ha dovuto lasciare Cuba da bambina e che ripensa alla sua isola con continua nostalgia.

Johann Winckelmann è stato in grado di influenzare con le sue opere l’intero approccio all’archeologia delle generazioni di studiosi a lui successivi. Pietra miliare della sua formazione di studioso fu certamente il lungo viaggio compiuto in Italia, durante il quale soggiornò a Roma e a Firenze. Al padre dell’archeologia nel senso moderno del termine è dedicata una mostra che si terrà a Firenze nel Salone del Nicchio del Museo Archeologico Nazionale. A Firenze Winckelmann approfondì la conoscenza della civiltà etrusca e dei suoi canoni estetici, quindi proprio a questo tema è dedicata la Mostra Winckelmann, Firenze e gli EtruschiLa mostra raccoglie le opere con cui Winckelmann entrò in contatto e varie testimonianze di come l’opera di Winckelmann influenzò la percezione della cultura etrusca durante il Romanticismo. Degni di nota è un taccuino manoscritto dello studioso e un servizio reale di porcellana borbonica. La mostra rimarrà allestita fino al 30 Gennaio 2017.

Firenze: 5 mostre da vedere a Gennaio e l’arte contemporanea

E’ stata inaugurata sul finire di Novembre la mostra Klimt Experience presso Santo Stefano al Ponte. Non si tratta di una comune mostra di opere, ma di un approccio completamente immersivo all’opera e al tempo del grande artista viennese. Riproduzioni di opere in altissima definizione, allestimenti suggestivi e una ricostruzione in 3D della Vienna in cui Klimt visse e operò renderanno davvero unico questo percorso, che rimarrà allestito fino alla fine di Aprile.

Ai Weiwei è uno dei più riconosciuti, influenti e rivoluzionari artisti contemporanei. Nato in Cina, ha con la Cina un rapporto difficile e contraddittorio, che si affianca a una profonda riflessione sul legame tra arte, potere, denuncia e censura. La grande retrospettiva dedicata ad Ai Weiwei occuperà l’interezza di Palazzo Strozzi, per la prima volta utilizzato come un’unità museale omogenea. La mostra sarà visitabile fino al 22 Gennaio e si intitola Ai Weiwei.Libero.

Fonte immagine di copertina: facebook.com/palazzostrozzi/